Selezione - Maggio 2017

Dieci, cento, mille... Primitivo!

Selezione - Maggio 2017

Angiuli Primitivo Maccone 2015 (2 bottiglie)
L'Archetipo Primitivo 2011 (2 bottiglie)
San Marzano Primitivo di Manduria Sessantanni 2013 (2 bottiglie)

Prezzo della selezione: 111,39 €
Prezzo speciale Club: 97,80 €
Risparmi: 13,59 € (12.20%)

Desidero registrarmi adesso!

Su questa selezione...

Si dirà che è geneticamente uguale allo Zinfandel californiano. Si dirà che deriva da un simile vitigno balcanico. Ma la verità è che il Primitivo italiano, concentrato tra Puglia e Salento, esprime una personalità inimitabile, che non ha eguali nel panorama vitivinicolo mondiale. Per troppi decenni considerato vitigno robusto, dolciastro e da taglio, e quindi venduto nei mercati settentrionali come vino da taglio, il Primitivo raccoglie dalle proprie stesse virtù fenoliche potenzialità difficili da trovare, tutte insieme, in una sola uva.

Di maturazione precoce (da cui deriva il nome) ma pienissima, il Primitivo si è infatti scoperto un vitigno di ineguagliabile versatilità, capace di dialogare con il territorio in modo unico. In Salento, tra Sava e Manduria, esprime una pienezza e una robustezza di struttura eccezionali: nobile e austero, di sorprendente ampiezza olfattiva, regala sorsi caldi e avvolgenti, sorretti da un calore sempre elevato e, talora, da un carezzevole residuo zuccherino che bilancia stupendamente l'austerità del calice. È il Primitivo di mare, salino e minerale, ma soprattutto assolato dalle estati salentine, persino surmaturato dai proverbiali venti della regione.

Ma, più all'interno, verso la Puglia profonda, dove le altitudini si fanno ben percepire, c'è Gioia del Colle. E lì il Primitivo cambia abito e diventa un vino di montagna, un grande signore delle correnti e dei dirupi. Si scrolla molta struttura e assume una veste sottile, gentile, di finezza ed eleganza impareggiabili, capace di soddisfare i palati più inclini al dettaglio che alla muscolarità.

Come tutti i più grandi vitigni autoctoni italiani, espressioni magnifiche di una identità regionale che non ha eguali al mondo, anche il Primitivo si è rivelato poliedrico e versatile. In versione dolce naturale, specie in agro di Manduria, costituisce una tipologia classica, radicata nella tradizione locale delle vendemmie tardive, che donavano a donano a questo nettare una suadenza indimenticabile. E, oggi, in veste rosata, regala sensazioni fresche e pimpanti a tutte le tavole estive a base di pesce, concorrendo in agilità e versatilità con i migliori Negroamaro. E poi i grandi rossi riserva: un mondo a sé, che racconta del più autentico e completo riscatto di un vitigno che si scopre straordinariamente longevo.

Acquistare nel negozio

Vuole acquistare singole bottiglie di questa selezione a prezzo di listino?

La sua prossima spedizione

  • Le spedizioni del Club si faranno durante l'ultima settimana del mese.
  • Se vuole aggiungere più casse all'ordine Contattaci.
  • Può consultare o modificare l'indirizzo di consegna e la modalità di pagamento accedendo a il suo account.
  • Registrandosi adesso è ancora in tempo per ricevere questa selezione.

Desidero registrarmi adesso!

Senza quote né spese di registrazione. Registrandosi otterà sconti e un omaggio.
Più informazioni

Angiuli Primitivo Maccone 2015 (2 bottiglie)

Rosso. Angiuli Donato Puglia, Italia Primitivo

Bottiglia: 12,24 € soci club / 13,90 € non soci


Simbolo della buona volontà legata alla tradizione del territorio e alla ricerca continua dell'eccellenza, l'azienda di Donato Angiuli, ad Adelfia, è attiva da tre generazioni e sperimenta in particolare il Primitivo, valorizzandone le potenzialità e le tipicità. Azienda tra le più attive e dinamiche del territorio, Angiuli lavora su soli quattro ettari di proprietà, segno chiaro di un orientamento alla vitivinicoltura selezionata e di qualità.

Il Primitivo di casa Angiuli è uno straordinario prodotto del comprensorio di Gioia del Colle: unisce, pertanto, la sottile finezza tipica del Primitivo locale, collinare e dell'interno, con la morbida potenza che questo vitigno sa assumere nelle vendemmie protratte, come in questo caso, alla metà di settembre.

I maginifici alberelli aziendali, che in zona hanno un'età media di ben sessant'anni e insistono su suoli prevalentemente argillosi, regalano vini di eccellente complessità aromatica e grande eleganza unita a una struttura decisa. Tra questi, il Primitivo Maccone è diventato una vera e propria perla aziendale, conquistando con la sua veste rubino tipicamente incline alle sfumature violette del vitigno.

Al naso, ampio ed elegante, spiccano la susina, la prugna matura e l'amarena, su una trama floreale di viola appassita e note più profonde di pepe nero con leggera tostatura minerale. Caldo e appagante, al sorso si distingue per la dolcezza dei tannini e per la carezzevole morbidezza, di una polposità che, non avulsa da una piacevole freschezza, rende questo vino gradevole e completo.

Formaggi caprini / risotto al Castelmagno / pasta al ragù / brasato / arrosto di maiale

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / carico / riflessi violacei
    • Fragranza
      Susina / prugna secca / amarena / viola appassita / pepe nero / tostatura
    • Palato
      Opulento / polposo / morbido / fresco / tannino dolce
  • Invecchiamento: Subisce un affinamento in soli recipienti d'acciaio.
  • Gradazione alcolica: 15,5%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

Angiuli Primitivo Maccone 2015
parte frontale e parte posteriore

L'Archetipo Primitivo 2011 (2 bottiglie)

Rosso. L'Archetipo Salento, Italia Primitivo

Bottiglia: 14,87 € soci club / 16,90 € non soci


Le mitiche terre rosse salentine, argillose e al tempo stesso silicee e calcaree, sferzate dal sole e dal vento che tanto regalano agli storici uliveti della regione, donano al Primitivo dell'Archetipo, certamente tra i più affidabili e in crescita, una struttura importante e, insieme, una finezza fresca e sapida che non può stancare l'assaggiatore. Da allevamenti rigorosamente biologici, certificati come agricoltura sinergica, questo Primitivo è figlio di impianti che arrivano ai quindici anni di età.

Là dove il Primitivo assume il carattere deciso e rotondo del vino di corpo in piena maturazione, l'Archetipo non protrae le vendemmie oltre inizio settembre, segno di una ricerca dell'eleganza e della sottigliezza non comune se applicata a un simile vitigno. Primitivo non filtrato né chiarificato, quello dell'Archetipo subisce non solo una lunga e lenta fermentazione di circa venti giorni, ma anche, e soprattutto, un significativo affinamento di un anno in botte grande e di un altro anno in acciaio, cui fa seguito almeno un semestre di stabilizzazione in bottiglia.

Di abito rubino intenso, impenetrabile e per tratti ancora giovane, al naso questo Primitivo sprigiona tutta l'ampiezza e la ricchezza del cavallo salentino di razza. Profondo e completo, ricorda la mora confetturata, la ciliegia sotto spirito, l'amarena e il lampone per le sue note più fresche, ma anche le bacche di ginepro, la noce e la liquirizia nei suoi sentori più scuri e complessi. La bocca conferma la caratura del Primitivo solare e luminoso quale lo denuncia la simbolica etichetta: fruttato, ma anche decisamente tannico e austero, si distingue del resto per la sorprendente freschezza e, soprattutto, per la notevole salinità, che costituisce il ricordo principale nell'infinita persistenza.

Formaggi caprini / ravioli d'anatra / arrosto di maiale / brasato / carrè di agnello

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / carico / luminoso
    • Fragranza
      Confettura di mora / ciliegia sotto spirito / amarena / lampone / ginepro / liquirizia
    • Palato
      Articolato / tannino austero / fresco / fruttato / persistente / sapido
  • Invecchiamento: Sosta un anno in botte grande e un anno in acciaio, e successivamente in bottiglia per almeno sei mesi.
  • Gradazione alcolica: 13,0%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

L'Archetipo Primitivo 2011
parte frontale e parte posteriore

San Marzano Primitivo di Manduria Sessantanni 2013 (2 bottiglie)

Rosso. Cantine San Marzano Primitivo di Manduria, Italia Primitivo

Bottiglia: 21,79 € soci club / 24,90 € non soci


Identità cooperativa e ricerca puntigliosa della qualità costituiscono, nell'importante comprensorio vitivinicolo di San Marzano, due capisaldi non in reciproca contraddizione. I numeri, certo, sono considerevoli, ma lo standard qualitativo assegnato alla valorizzazione dei vitigni autoctoni è fuori discussione. Tra questi, il Primitivo è certamente quello che ha regalato all'Azienda le maggiori soddisfazioni, incarnando perfettamente la veracità del territorio e dei conferitori, e rispondendo ottimamente alle esigenze senza compromessi della rinnovata conduzione enologica.

Le terre rosse calcaree e rocciose della regione di Sava e San Marzano, interno salentino non distante dalla costiera ionica tarantina, ricevono un clima tipicamente mediterraneo, con scarsa piovosità ed eccellenti escursioni termiche annue. Aspetti che, uniti alla vendemmia mai condotta prima della seconda metà di settembre e alla lunga macerazione di una ventina di giorni, regalano ai grandi Primitivo di San Marzano un'ampiezza e una rotondità che li ha resi celebri e distinguibili presso gli appassionati.

Figlio della zona classica dell'agro mandurese e dei vigneti più storici dell'Azienda, Sessantanni rivela al calice un perfetto rubino carico intessuto di violetto. Al naso le sensazioni sono ampissime, dalla ciliegia sotto spirito alle erbe aromatiche, dalle tostature alle speziature di cannella e chiodo di garofano, fino al balsamico della liquirizia. Al sorso è sontuoso e opulento, con tannini nobili perfettamente integrati e capaci di rilevare la naturale morbidezza del prodotto. La persistenza, lunghissima, racconta di ricordi di china e, ancora, liquirizia.

Costolette di agnello / costine di maiale / stracotto / formaggio a pasta dura

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / carico / riflessi purpurei
    • Fragranza
      Ciliegia sotto spirito / erbe aromatiche / caffè / cacao / chiodi di garofano / cannella / liquirizia
    • Palato
      Pieno / opulento / elegante / tannino ben integrato / persistente
  • Invecchiamento: Sosta 12 mesi in barrique di legni francesi ed americani.
  • Gradazione alcolica: 14,5%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

San Marzano Primitivo di Manduria Sessantanni 2013
parte frontale e parte posteriore

Desidero registrarmi adesso!