Selezione - Dicembre 2018

Nerelli&Co.: quando il Sud in rosso è light

Selezione - Dicembre 2018

Terre Nobili Alarico 2017 (2 bottiglie)
Tenuta di Castellaro L'Ottava Isola 2015 (2 bottiglie)
Donnafugata Frappato di Vittoria Bell'Assai 2017 (2 bottiglie)

Prezzo della selezione: 95,18 €
Prezzo speciale Club: 83,50 €
Risparmi: 11,68 € (12.27%)

Desidero registrarmi adesso!

Su questa selezione...

Il cliché del vino meridionale italiano come un prodotto grasso e vellutato, di struttura robusta e corpo prevalentemente morbido, è ormai un lontano ricordo. O almeno deve esserlo per il vero appassionato. Anche dei vitigni più robusti e un tempo rustici, come l'Aglianico e il Montepulciano, sono ormai diffuse e apprezzate le interpretazioni più fini ed eleganti, capaci di raccontare il territorio senza scadere nella muscolarità.

Ma gli ultimi anni hanno segnato la salita alla ribalta di vitigni e territori nuovi, in cui la garbata finezza dei rossi non è una scelta enologica, ma un dono della natura. La Sicilia e la Calabria sono la culla d'elezione di queste novità, perché è in queste regioni dell'estremo Meridione d'Italia che si concentrano famiglie di uve in grado di intercettare un gusto più schietto e moderno del vino rosso: sentori netti e decisi, certo, ma anche bevibilità.

Ampia e sfaccettata, la famiglia dei Nerelli è la più rappresentativa in questo senso. Benedetta in Sicilia dal terroir impareggiabile dell'Etna, essa trova espressioni stupende anche più a Nord, nel Messinese, e nelle Eolie. Territori prevalentemente vulcanici e d'altura, che uniscono alla naturale giovialità fruttata del Nerello, Mascalese e Cappuccio, la solida trama della mineralità e della freschezza, unite a una verticalità e una longevità incredibili.

Anche in Calabria il Nerello è stupendamente rappresentato, come dimostra il bellissimo Alarico, ma qui è terra di Gaglioppo, vitigno rosso così fine da esprimersi magicamente in grandiosi rosati. Parente stretto del Gaglioppo è il Frappato, autoctono siciliano tipico della zona di Vittoria. Un altro rosso da scoprire, anche se ha già ottenuto altissimi riconoscimenti. Da poco recuperato in purezza, al naso attacca vinoso, floreale e fruttato, ma in bocca regala una stupenda progressione minerale.

Rossi leggeri, ma incredibilmente profondi!

Acquistare nel negozio

Vuole acquistare singole bottiglie di questa selezione a prezzo di listino?

La sua prossima spedizione

  • Le spedizioni del Club si faranno durante l'ultima settimana del mese.
  • Se vuole aggiungere più casse all'ordine Contattaci.
  • Può consultare o modificare l'indirizzo di consegna e la modalità di pagamento accedendo a il suo account.
  • Registrandosi adesso è ancora in tempo per ricevere questa selezione.

Desidero registrarmi adesso!

Senza quote né spese di registrazione. Registrandosi otterà sconti e un omaggio.
Più informazioni

Terre Nobili Alarico 2017 (2 bottiglie)

Rosso. Terre Nobili Calabria, Italia Nerello Cappuccio, Nerello Mascalese

Bottiglia: 11,21 € soci club / 12,90 € non soci


Vitigno tipico dell’areale dell’Etna e di altri comprensori siciliani, il Nerello sta trovando eccellenti espressioni anche in Calabria. Alarico ne è l’esempio di maggiore successo, grazie alla particolare giacitura e all’esposizione del vigneto dedicato a Montalto Uffugo, nel Cosentino, entroterra di Paola, sui colli che degradano verso il Tirreno.

La missione aziendale della Tenuta Terre Nobili, cioè quella di valorizzare il patrimonio autoctono dei vitigni, si è dunque evoluta nell’individuazione di nuove uve particolarmente adatte a regalare risultati ottimali nel comprensorio calabrese. Al tempo stesso, la conduzione biologica del vigneto ha consolidato il legame fra qualità e territorialità che ha da sempre contraddistinto la filosofia aziendale.

Alarico rispetta questi principi e si avvale di una rigorosa cernita dei grappoli, che contribuisce a una consistente riduzione delle rese in favore della qualità del prodotto. La vinificazione, inoltre, orienta Alarico verso una particolare concentrazione dei profumi e della struttura, con il 20% della massa derivante dalla tecnica del salasso e, inoltre, con una lunga e attenta macerazione.

Queste strategie contribuiscono a intensificare il corredo organolettico del Nerello, che assume un profilo più complesso e strutturato senza rinunciare alle sue originarie caratteristiche di finezza e giovialità. Profondo nel colore rubino molto carico con orlo violaceo, Alarico ha infatti un profumo complesso, intenso, persistente, fine ed ampio, con sentori di piccoli frutti rossi boschivi e lievi sbuffi di iris, cotognata ed eucalipto. Al sorso è avvolgente e speziato con tannini decisi ma aggraziati.

Faraona all'arancia / grigliata mista / petti di quaglia al timo / risotto al Castelmagno

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / carico / riflessi violacei
    • Fragranza
      Intenso / fine / ampio / mora / iris / eucalipto
    • Palato
      Morbido / avvolgente / tannino setoso / persistente
  • Invecchiamento: Fermenta in inox macerando per 20 giorni e affina per 5 mesi in barrique nuove.
  • Gradazione alcolica: 14,5%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

Terre Nobili Alarico 2017
parte frontale e parte posteriore

Tenuta di Castellaro L'Ottava Isola 2015 (2 bottiglie)

Rosso. Tenuta di Castellaro Etna, Italia Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio

Bottiglia: 16,63 € soci club / 18,90 € non soci


Tenuta di Castellaro è una delle aziende ad oggi di maggior eco e successo nel comprensorio eoliano. Con sede a Lipari, ha iniziato a stupire gli appassionati con grandi vini tipici dell’arcipelago, al tempo stesso moderni e schiettamente vulcanici, prodotti in perfetta conduzione biologica. La Tenuta, peraltro, appartiene al circuito I Vigneri di Salvo Foti, estremo ed eroico in fatto di viticoltura. La cantina, indiscutibilmente la più avveniristica tra Lipari e Salina, si è recentemente dislocata anche sulle pendici dell’Etna, un terroir per molti versi paragonabile a quello originario.

Vini moderni e sostenibili, dunque, che trovano nella radice vulcanica il loro comune denominatore, senza alcuna meccanizzazione e con una selezione attentissima del meglio delle varietà autoctone. In virtù di questa filosofia produttiva unitaria, l’Etna diventa quindi l’“Ottava Isola” vulcanica delle Eolie, sintesi ideale ma anche estrema dell’arcipelago, territorio caldo di lava e freddo di neve.

Rosso rubino carico e intenso, al naso l’Ottava Isola regala sensazioni di frutta rossa, sottobosco, fiori secchi, con sfumature di tabacco e liquirizia. All’assaggio questo stupendo e tipico uvaggio di Nerello Mascalese e Cappuccio regala grande equilibrio tra l’importante struttura vulcanica e l’eleganza delle varietà e della vinificazione. E’ un sorso piacevolmente tannico e molto persistente, da Etna carico e deciso ma con un magico sottotesto di eleganza e mineralità.

Pasta al ragù / fagiano in salmì / cacciagione / formaggio stagionato

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / intenso
    • Fragranza
      Frutti di bosco / viola / sottobosco / fiori appassiti / tabacco / liquirizia
    • Palato
      Elegante / fine / strutturato / intenso / persistente / minerale
  • Invecchiamento: Affina in bottiglia per 12 mesi.
  • Gradazione alcolica: 13,5%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

Tenuta di Castellaro L'Ottava Isola 2015
parte frontale e parte posteriore

Donnafugata Frappato di Vittoria Bell'Assai 2017 (2 bottiglie)

Rosso. Donnafugata Vittoria, Italia Frappato

Bottiglia: 13,91 € soci club / 15,80 € non soci


Donnafugata non è certo un’azienda che ha bisogno di presentazioni, ma il suo approdo nel comprensorio di Vittoria rappresenta una delle novità più interessanti nel panorama vitivinicolo siciliano. Qui, Donnafugata conta già su ben 36 ettari di vigneto nella zona classica del comprensorio, su cui insiste anche la denominazione del Cerasuolo di Vittoria. I suoli sono variegati, con inserti tufacei e calcarei, il che garantisce la tipica mineralità dei rossi della zona, unitamente alla salinità regalata dal mare. L’eleganza e la verticalità di questi rossi, oltre che da questi elementi ambientali, è garantita anche dalla naturale finezza del vitigno autoctono: il Frappato.

Donnafugata non ha dunque mancato l’appuntamento con l’originale vinificazione in purezza del Frappato, dal DNA leggero e poco tannico, ma estremamente fine e piacevole. Ne è nato Bell’Assai, interpretazione particolarmente fragrante e giovanile del vitigno, quasi una sua naturale quintessenza. A presentare il vino un’altra, nuova, etichetta d’autore, che questa volta rappresenta “una fanciulla che offre alla dolce brezza siciliana i frutti della vigna ed i profumi della campagna”.

Dal colore rosso rubino brillante con riflessi violacei, tipici della giovanilità del Frappato, all’olfatto Bell’Assai esprime piacevoli ma intense note note floreali di violetta e rosa, così come sentori fruttati di lampone e fragola. Fresco e fragrante, di bella mineralità, ha una struttura molto garbata e un tannino morbido tutt’altro che invasivo, capace di esaltare la cordiale piacevolezza della beva.

Salumi / piatti di pesce / sushi e sashimi / melanzane alla parmigiana / arancini / ravioli di pesce

  • Nota di degustazione:
    • Colore
      Rosso rubino / riflessi violacei
    • Fragranza
      Fragrante / intenso / viola / rosa / lampone / fragola
    • Palato
      Appagante / fresco / minerale / tannino misurato / piacevole
  • Invecchiamento: Riposa 4 mesi in vasca di acciaio e 3 mesi in bottiglia.
  • Gradazione alcolica: 12,5%
  • Temperatura di servizio ottimale: Tra 16ºC e 18ºC

Donnafugata Frappato di Vittoria Bell'Assai 2017
parte frontale e parte posteriore

Desidero registrarmi adesso!