Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €

Che differenza c'è tra vini biologici, naturali e biodinamici?

Cosa sono i vini biologici, naturali e biodinamici? Tutto quello che devi sapere sui vini naturali, biologici e biodinamici.

foto uva e mani

Se consideriamo i vini biologici, i vini naturali e i vini biodinamici, ci renderemo conto che solo i primi hanno una definizione chiara data dal regolamento europeo. Qual è dunque la differenza tra loro?

Simboli dei vini biologici

Biologico

Affinché un vino sia organico (sinonimo di biologico), il vigneto da cui proviene deve essere certificato biologico, il che sostanzialmente limita l'uso di trattamenti chimici di sintesi (erbicidi o fungicidi) per combattere i parassiti; si possono usare solo i soliti zolfo e solfato di rame; inoltre, i fertilizzanti devono essere a loro volta biologici. Tuttavia, in cantina è possibile utilizzare altri prodotti chimici, come lo zolfo, anche se in quantità minori rispetto alla vinificazione convenzionale.

Nell'etichettatura, i vini biologici europei sono facilmente riconoscibili grazie al simbolo di  una foglia su uno sfondo verde il cui contorno è disegnato con stelle bianche. Se si tratta di un vino spagnolo, si troverà un sigillo di certificazione agricola biologica, il cui logo è un sole su un cielo blu, una terra marrone e linee diagonali verdi.

I vini biologici non sono troppo diversi dai vini convenzionali nella degustazione, anche se tendono ad essere un po' più espressivi, perché in genere derivano da suoli e frutti lavorati con maggior rispetto.

Alcuni loghi di associazioni di vini naturali

Vini naturali

La differenza più nota tra un vino biologico e un vino naturale è che, mentre nel primo si usano piccole dosi di zolfo per la sua conservazione, nel secondo non si trova nel vino più zolfo di quello prodotto naturalmente durante la fermentazione alcolica.

Un vino naturale è quello che si fa cercando di rispettare il più possibile il frutto della vite, lavorando con il minimo intervento e senza aggiungere o togliere nulla all'uva. L'obiettivo dei produttori naturali è quello di rappresentare senza filtri l'ambiente in cui nasce ogni vino e lasciare che le particolarità delle diverse annate e di ogni terroir ne disegnino il profilo. L'obiettivo è quello di rispettare il più possibile l'ambiente, promuovere la biodiversità, sfruttare al massimo le risorse naturali e generare meno rifiuti possibile. In cantina, i produttori di vino naturale non usano lieviti selezionati, non correggono, non filtrano e non chiarificano i loro vini. Generalmente, le fermentazioni avvengono a temperatura non controllata.

Ci sono alcune etichette come ViniVeri e VinNatur, che raggruppano alcuni produttori di vini naturali, ma non esiste un ombrello sotto il quale tutti sono ufficialmente associati. Non esiste neppure una classificazione né una certificazione per questi vini, anzi i vignaioli solitamente le rifuggono, producendo spesso anche al di fuori delle denominazioni d'origine.

Alcuni consumatori associano una serie di difetti olfattivi e gustativi ai vini naturali, ma questo è vero solo quando il vino naturale non è prodotto con sufficiente precisione. Produrre vini naturali è come fare il funambolo senza rete, qualcosa che non è alla portata di tutti e richiede molta pratica e conoscenza. D'altra parte, è innegabile che i grandi vini naturali brillano di una luce che nessun altro tipo di vino può eguagliare; sono vini vivaci, pieni di anima e con una profondità accattivante.

Il logo Demeter riunisce molte aziende biodinamiche

Biodinamica

Rudolf Steiner è stato il padre dell'agricoltura biodinamica e le sue teorie sono state la base del vino biodinamico. La sua teoria può essere riassunta molto semplicemente come un tentativo di animare la vita sulla terra e di collegarla con il resto del cosmo. I prodotti chimici e le cattive pratiche sul campo hanno denaturato la terra e l'hanno privata di una parte importante della sua energia naturale, che è proprio ciò che il metodo biodinamico cerca di recuperare. Invece di usare prodotti chimici per proteggere e rafforzare le viti, si usano preparati di origine animale o vegetale, come le famose corna di mucca riempite di letame, che servirebbero a popolare il campo di microrganismi benefici e a catturare e trasmettere le energie cosmiche. Pratiche come la raccolta o la semina sotto una certa fase della luna, che erano così comuni tra i nostri antenati, riacquistano importanza con il metodo biodinamico.

Non tutti i vini biodinamici sono facilmente identificabili perché, sebbene esista un logo che certifica che si tratta di un vino biodinamico, non tutti i produttori lo espongono sulle loro etichette. Questo è il simbolo di Demeter, scritto in lettere bianche su uno sfondo arancione e con una linea verde alla base.

Infine, ricordiamo che i tre tipi di vino possono essere e sono spesso combinati. Un vino biodinamico è sempre anche biologico, portando i principi dell'ecologia a un livello superiore di rigore. Allo stesso modo, un vino naturale è spesso un vino biodinamico. In tutti e tre i casi, si tratta di una rivoluzione nella coscienza umana che mira a riportare la gioia del cibo prodotto da una terra viva, della frutta traboccante di sapore, odore ed energia, e dei vini che se ne ricavano.

Uso dei solfiti nel vino

Tipo di Vino Convenzionale Biologic Biodinamico Naturale Senza solfiti
Vino Rosso 150 100 150 30 0
Vino Bianco 200 150 90 40 0
Vino Rosato 200 150 90 40 0

Quantità massime consentite per tipo di vino in mg/litro

Potresti anche essere interessato a

Da Vinissimus può acquistare i migliori vini biologici, naturali e biodinamici. Forse sei interessato anche ai vini vegani?