Vino liquoroso · Italvinus
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 70 €

Vino liquoroso

Un vino liquoroso o fortificato è un vino il cui grado alcolico effettivo (tra 15% e 23%) si ottiene con l'aggiunta di alcol vinico. In Spagna questi vini sono detti vinos generosos e, se il loro contenuto zuccherino è superiore a 5 g/l, vinos generosos de licor. Questa formula, apparentemente semplice, è in realtà assai oscura, poiché gli stili e le varianti del vino liquoroso sono molteplici. Per questo conviene imparare uno alla volta e in modo ordinato tutti gli elementi che lo rendono possibile, per arrivare a carpirne pienamente l'essenza.

Leggi di più >

274 vini

8,25

9,10

7,76

7,45

10,55

14,40

13,55

10,70

13,05

19,15

10,00

/ bott. 0,37 L

9,50

13,20

8,25

Esaurito

17,25

52,50

15,75

19,65

9,50

12,85

/ bott. 0,5 L

18,50

13,20

12,90

71,00

/ bott. 0,5 L

6,91

20,35

16,06

/ bott. 0,37 L

11,00

26,25

11,86

23,50

110,00

5,90

11,00

15,95

/ bott. 0,5 L

19,65

Capire il vino liquoroso

Come si elaborano i vini liquorosi?

Il vino liquoroso si elabora a partire da un vino base a cui si aggiunge alcol vinico durante o dopo la fermentazione. A seconda del profilo del vino base così ottenuto, questo verrà destinato a un certo stile, come accade a Jerez per i Finos, gli Amontillados e gli Olorosos. Di solito, una volta alcolizzati, i vini passano per una fase di invecchiamento in botte.

L'invecchiamento del vino liquoroso

L'invecchiamento del vino liquoroso può essere di tipo ossidativo (Oloroso), biologico (Fino) o una combinazione dei due stili (Amontillado). Chiamiamo "ossidativo" l'invecchiamento che seguono i vini a contatto con l'aria, mentre usiamo il termine "biologico" per riferirci all'invecchiamento dei vini sotto fioretta, un velo di lieviti che protegge il vino dall'ossidazione e gli apporta sostanze nutritive e aromi molto particolari. Inoltre, gli invecchiamenti si dividono anche in statici e dinamici, i primi se il vino è invecchiato nella stessa botte, i secondi se il vino è stato trasferito da una botte all'altra (metodo soleras).

Le uve del vino liquoroso

Palomino fino, Pedro Ximénez, Touriga franca e Touriga nacional, o Grillo, sono alcune delle uve più importanti per l'elaborazione del vino liquoroso. Le prime due in Spagna, le seconde due in Portogallo e l'ultima in Italia, i tre paesi di riferimento per questo stile di vino.

Le regioni del vino liquoroso più famose del mondo

La Spagna è senza dubbio uno dei principali paesi produttori di vini liquorosi, in particolare nella regione di Jerez, con i suoi Sherry. Fino, Manzanilla, Oloroso, Amontillado o Cream (generoso de licor) sono nomi irrinunciabili per cominciare a capire i vini liquorosi, e Malaga o Montilla-Moriles sono zone dell'Andalusia da tenere bene a mente. Porto, la più antica delle denominazioni di origine del mondo, è il riferimento assoluto in Portogallo, paese di origine anche del Madeira. In Italia è un'altra isola, in questo caso la Sicilia, a dar vita al più celebre dei vini liquorosi italiani: il Marsala.

Stili e abbinamenti del vino liquoroso

La grande diversità di stili del vino liquoroso si traduce in un numero altrettanto grande di abbinamenti. Fino e Manzanilla adorano il prosciutto crudo e la frittura di pesce, mentre l'Amontillado permette di giocare con pietanze difficilissime da abbinare, come gli asparagi selvatici o i carciofi. L'intensità dell'Oloroso richiede piatti pieni di carattere, come la cacciagione o i formaggi stagionati. Porto e Stilton, da parte loro, compongono un abbinamento storico e culturale praticamente insuperabile, seguito da vicino dagli accostamenti con il cioccolato fondente. I vini liquorosi più dolci, come il Cream, adorano i dessert di frutta speziati, i gelati alla vaniglia o il foie gras.