Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
Green Day: sconti fino al 25% su tutti i vini biologici8o 22m 2s

Bodega Aleanna

Bodega AleannaBodega Aleanna

L'Argentina torna sotto i riflettori. Il suo potenziale è notevole, e negli ultimi anni una nuova mandata di giovani enologi sta dimostrando quanto ancora questa terra può offrire. Il mondo del vino si evolve anche nel Paese sudamericano, dove uno dei principali attori risponde al nome di Alejandro Vigil, noto come "l'Elvis Presley dei vini", "il Messi dei vini" o persino "il mostro dei vini", anche se lui preferisce definirsi come un semplice viticoltore ed un consumatore ordinario di vini. Modesto sì, ma certamente non ordinario. Vigil è un grande appassionato di lettura, di cucina e musica (in particolare di jazz e rock and roll), un uomo dal carattere docile, tutto casa e famiglia, e al tempo stesso un genio creativo, inquieto e innovatore, considerato oggi come uno dei migliori enologi al mondo. La sua eccezionalità fu percepita già anni fa dal grande Nicolás Catena, che ben presto lo nominò enologo-capo della sua cantina, Bodega Catena Zapata, e dalla figlia più giovane di quest'ultimo, Adrianna Catena, con cui Vigil dal 2006 è co-proprietario del progetto Bodegas Aleanna, titolare dei sempre più famosi vini Enemigo.

La filosofia di Alejandro Vigil è chiara: produrre vini alla maniera antica, vini freschi, che si possono bere con facilità, vini beverini, vini che offrono qualcosa di nuovo ad ogni sorso e che si accompagnano bene in tavola. Proprio ricercando questa diversità, Vigil scommette in modo particolare sulla varietà Cabernet Franc, un tipo di uva che, come la Malbec, offre vini diversi secondo le caratteristiche del luogo, con una maggiore diversità e complessità, a differenza del Cabernet Sauvignon, per esempio, una varietà che invece tende a dominare il carattere del vino. Il vino deve esprimere la sua origine, essere complesso e luminoso, aprire lo spirito, attivare ricordi e sensazioni; e il terroir deve essere il protagonista, non il legno; per questo, per la vinificazione si prediligono le botti di cemento a quelle di acciaio, e le botti vecchie a quelle nuove.

Alejandro Vigil è un vero personaggio e i suoi vini sono straordinari, al punto che la sua cantina si è già trasformata in una sorta di luogo di culto, vicino alla sua abitazione di Chachingo, nel Dipartimento di Maipú, a Mendoza, in particolare da quando, nel 2015, proprio lì ha aperto il suo ristorante Casa El Enemigo, dove si può godere non solo di un paesaggio splendido e di ricette sfiziose, ma anche dei suoi ottimi vini, inclusi quelli di alta gamma... per alcuni dei quali c'è sempre la lista d'attesa nei negozi!

  • Vigneto proprio:12
  • EnologoAlejandro Vigil

Tutti i vini di Bodega Aleanna

4,4/5
(Basato su 54 recensioni su 9 vini)