Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 120 €

Lacrima

Risponde al nome di lacrima un vitigno di origine antichissima. Secondo la tradizione, nel 1167 Federico Barbarossa avrebbe degustato un calice di lacrima mentre risiedeva nel suo castello di Morro d'Alba, nel nord delle Marche, durante l'assedio di Ancona. Ancora oggi, del resto, questa delicata uva nera viene coltivata prevalentemente in questa regione, dove rappresenta la terza per prodotto di vini rossi, e ancor oggi dà vita alla DOC Lacrima di Morro d'Alba. Tuttavia, un tempo, la lacrima era diffusa lungo tutto l'arco adriatico, e arrivava fino in Calabria, dove, localmente, tuttora se ne trovano sparuti filari. Uva leggermente aromatica, produce un rosso, oppure un rosato, leggero, profumato di rosa, un po' vinoso, fruttato, confetturato. Al palato risulta morbido, con qualche nota vegetale che smussa l'approccio dolce del naso, di buona freschezza e con un tannino molto misurato. Riesce bene anche passito, sia parziale e successivamente vinificato secco, sia totale, in forma di vino dolce pur sempre di moderata ed elegante concentrazione.

Leggi di più
10 prodotti

11,50

Esaurito

11,50

Esaurito

12,55

Esaurito

9,60

Esaurito

11,80

Esaurito

8,80

Esaurito

11,00

Esaurito

23,50

Esaurito

19,00

Esaurito

18,00

Lacrima

Risponde al nome di lacrima un vitigno di origine antichissima. Secondo la tradizione, nel 1167 Federico Barbarossa avrebbe degustato un calice di lacrima mentre risiedeva nel suo castello di Morro d'Alba, nel nord delle Marche, durante l'assedio di Ancona. Ancora oggi, del resto, questa delicata uva nera viene coltivata prevalentemente in questa regione, dove rappresenta la terza per prodotto di vini rossi, e ancor oggi dà vita alla DOC Lacrima di Morro d'Alba. Tuttavia, un tempo, la lacrima era diffusa lungo tutto l'arco adriatico, e arrivava fino in Calabria, dove, localmente, tuttora se ne trovano sparuti filari. Uva leggermente aromatica, produce un rosso, oppure un rosato, leggero, profumato di rosa, un po' vinoso, fruttato, confetturato. Al palato risulta morbido, con qualche nota vegetale che smussa l'approccio dolce del naso, di buona freschezza e con un tannino molto misurato. Riesce bene anche passito, sia parziale e successivamente vinificato secco, sia totale, in forma di vino dolce pur sempre di moderata ed elegante concentrazione.