Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
Trasporto gratuito a partire da 90 €Spese di spedizione

Abruzzo

Dov'è Abruzzo

Da Ovidio a oggi l’Abruzzo del vino ha fatto molta strada. Regione di mare e di montagna insieme, ha prodotto molta quantità, ma ormai la qualità, anzi l’eccellenza, sono il punto forte di questa bellissima terra del vino. La viticoltura abruzzese, che pure arriva a lambire l’Adriatico, si sviluppa soprattutto nella grande fascia collinare verso l’interno, dove i terreni sono argillosi con strati sabbiosi e dove il clima risale dal mediterraneo verso il temperato, sempre con buone ventilazioni e sempre più pronunciate escursioni termiche.

In Abruzzo, complice la natura particolarmente tradizionale dei vitigni, sopravvivono diffusamente antichi sistemi di allevamento, come le pergole, che sono solo in parte sostituite dalle nuove spalliere. L’uva rossa più rappresentativa della regione è il montepulciano. Tardivo, con note rustiche ed erbacee, è un’uva di difficile vinificazione, che dà vini di color rubino intenso ma con riflessi spesso purpurei, note fragranti di frutti di bosco e frutta cotta, eventualmente arricchiti da sentori tostati e speziati con l’affinamento. Morbido ma particolarmente fresco e pimpante, dal bel tannino, il montepulciano è protagonista di tutte le denominazioni regionali. Nell’ambito della DOC Montepulciano d’Abruzzo si distinguono le zone adriatiche delle Terre dei Vestini, più marine e mediterranee, quelle montuose di Casauria, della Valle Peligna e di Capestrano, che alle falde della Maiella e del Gran Sasso danno vini tesi, minerali, longevi e grandiosi per eleganza, e poi il Teramano, con la DOCG Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane, che sforna, tra struttura piena e classe da affinamento, alcuni dei grandi monumenti della tipologia.

Analoghe caratteristiche, nelle differenti medesime zone, assume il bianco regionale: il trebbiano d’Abruzzo. Trebbiano di nome, ma di fatto un vino di caratura e personalità altissima, capace di sopportare lunghi affinamenti sui lieviti e riposi pluridecennali in cantina. Intenso, fruttato e floreale, ma splendidamente minerale nei migliori vigneti di montagna, ha buona struttura, ricca persistenza e profondissima longevità. Il comparto dei rosati è occupato ancora dal montepulciano, che qui viene vinificato, con il nome di Cerasuolo d’Abruzzo, come un “quasi-rosso” per colore e struttura, talvolta con affinamento in botte o in anfora.

Completano il panorama delle denominazioni la DOC Controguerra, al confine con le Marche, e la piccola DOCG Tullum, entrambe impegnate nella valorizzazione degli autoctoni in purezza o in blend con uve internazionali sia bianche sia rosse. Tra gli autoctoni bianchi, infatti, non vanno dimenticati la passerina e il pecorino, comuni con le Marche – più semplice e fruttata la prima, più rotondo, strutturato, minerale e longevo il secondo – e la cococciola, fresca, croccante e polposa.

Vino di Abruzzo

94 prodotti

7,00

6,80

9,50

7,55

19,95

9,00

4,50

11,00

11,90

6,95

13,55

10,80

8,00

22,90

14,55

24,00

23,90

6,95

13,55

3,95

23,90

15,90

/ bott. 0,5 L

11,50

13,55