Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
ULTIME ORE! -10% acquistando 6 bottiglie!4o 26m 41s

Ruché di Castagnole Monferrato

Dov'è Ruché di Castagnole Monferrato

Probabilmente importato in Piemonte dalla Borgogna e dall'Alta Savoia attraverso il pellegrinaggio dei monaci cistercensi nel Medioevo, il Ruchè deve forse il nome alle rocche scoscese che ne contraddistinguono il territorio d'elezione. Un alone di mistero circonda insomma questo vitigno autoctono tipico di un fazzoletto del Monferrato, ma un tempo allevato fin nelle Langhe e in fette più estese della regione, pur circoscritto al consumo locale e familiare.

Solo negli anni Settanta il vitigno, grazie all'impegno di personalità legate al territorio come don Giacomo Cauda e Lidia Bianco, ha ottenuto una crescente valorizzazione e, finalmente, la denominazione d'origine, che ne ha spinto l'imbottigliamento sempre più spesso in purezza.

Da terreni marnoso-argillosi meno salini e scheletrosi di quelli di Langa, il Ruchè di Castagnole Monferrato, al calice un rubino non eccessivamente carico, si distingue per i sentori floreali di rosa, di viola e giacinto, e per le note fruttate di albicocca e bacche rosse mature. All'evoluzione, ormai comune considerata la spiccata maturità della produzione, si distinguono anche le caratteristiche sensazioni speziate del vitigno. In bocca è avvolgente, carezzevole, di buona freschezza, struttura calibrata e tannino perfettamente integrato.

Vino di Ruché di Castagnole Monferrato

2 prodotti

12,55

9,80

Cantine emblematiche