Vino di Bodegas y Viñedos Artazu · Italvinus
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 70 €

Bodegas y Viñedos Artazu

Bodegas y Viñedos Artazu

Bodegas y Viñedos Artadi è un progetto nato nel 1985 che basa la sua proiezione futura su una profonda conoscenza del passato. Fu più di tre decenni fa quando un gruppo di viticoltori di Laguardia decise...

Valutazione
4,4/5
(Basato su 16 recensioni su 5 vini)
Anno di fondazione1996
EnologoJean-François Gadeau
Paese
Regioni
Uve

Vino di Bodegas y Viñedos Artazu

18,50

8,00

17,10

Esaurito

27,80

Esaurito

10,00

Bodegas y Viñedos Artazu

Bodegas y Viñedos Artadi è un progetto nato nel 1985 che basa la sua proiezione futura su una profonda conoscenza del passato. Fu più di tre decenni fa quando un gruppo di viticoltori di Laguardia decise di associarsi per estrarre insieme l'essenza di una terra che conoscevano come il palmo della loro mano. Nacque così la Cooperativa de Cosecheros Alaveses, con la ferma convinzione che i suoi vini potessero essere buoni come gli altri. Dalla sua passione e rispetto per la vigna, sono comparsi gradualmente i vini che sono stati un vero riflesso del paesaggio in cui sono nate le sue uve.

Negli anni '90, sotto la direzione di Juan Carlos López de Lacalle, l'azienda vide crescere il suo prestigio, sia a livello nazionale che internazionale, e allargò i suoi orizzonti verso nuove aree vinicole con la creazione di Artadi (Navarra) e Bodegas y Viñedos El Sequé (Alicante). In tutte e tre le regioni, i principi che regolano il lavoro sul campo e in cantina sono l'ambientalismo, la biodinamica e il massimo rispetto per il passato. Pertanto, ciascuna delle tre regioni lavora con l'uva di punta (Tempranillo, Grenache e Monastrell; rispettivamente a Rioja, Navarra e Alicante) e si tenta di rispettare pienamente il territorio e la tradizione. Questo è l'unico modo per spiegare la nitidezza e l'intensa tipicità che emana sempre dai vini del gruppo Artadi; finezza e trasparenza in Rioja, nobili tannini in Navarra e sapore mediterraneo ad Alicante.

Nonostante i progressi tecnologici, l'essenza di Artadi rimane la stessa che ha catturato lo stoppino nel 1985: stare lontano dall'industrializzazione e da qualsiasi movimento omogeneizzante, per concentrare tutti gli occhi sui vigneti e sulle loro abilità. Il suo ultimo progetto, Izar-Leku , a Guipúzcoa, non fa altro che certificare le convinzioni di un gruppo di amanti della vita, della natura e delle sagge esperienze dei nostri antenati.

NOTA DALLA CANTINA SULL'UTILIZZO DI UN TAPPO FILETTO: Le cantine del gruppo Artadi hanno introdotto il tappo a vite sui loro vini giovani, considerando che è quello che offre le migliori condizioni per questo tipo di vino. Sebbene, per il momento, sia raro trovare bottiglie con tappo a vite in Spagna, Artadi ha deciso di prendere l'iniziativa optando per questo tipo di chiusura per i suoi vini giovani: Artadi joven (Rioja Alavesa), Artazuri Tinto (Navarra), Artazuri Rosado (Navarra) e piste di El Sequé (Alicante).

Negli ultimi raccolti, Artadi ha finito per scartare il tappo sintetico per motivi qualitativi riguardanti la conservazione del vino. Al contrario, il tappo a vite sui vini giovani ha dimostrato: (1) di essere un sigillo ermetico, evitando qualsiasi scambio di ossigeno con l'esterno e preservando le peculiarità aromatiche e la freschezza di un vino giovane; (2) eliminare il rischio di odore e sapore di sughero che possono derivare da un tappo naturale contaminato; (3) essere l'opzione di conservazione più comoda, poiché le bottiglie possono essere conservate in posizione verticale e che, contrariamente a quanto accade con il sughero naturale, non è necessario il contatto diretto con il vino per mantenerne le proprietà.

Bodegas y Viñedos ArtazuBodegas y Viñedos Artazu