Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
ULTERIORI SCONTI! Fino a -20% su oltre 6.000 vini. ULTIMO GIORNO!5o 56m 51s

Le Vigne di Alice

Le Vigne di AliceLe Vigne di Alice

L’aziendaLe Vigne di Alice nasce nel 2005 a Vittorio Veneto, la parte più a nordest della denominazione Conegliano Valdobbiadene, l’alta collina trevigiana, dove le colline del Prosecco Superiore sono patrimonio dell’Umanità.

Cinzia Canzian guida l’azienda: “sono nata in Osteria, era il luogo della nonna e quindi anche il mio nei fine settimana o durante l’estate. Il vino è per me un legame familiare con volti, luoghi ed esperienze indelebili. Il nonno Angelo, immensa figura nella mia formazione, mi ha introdotto al vino. Ricordo una sua frase: solo annusando puoi capire se è buono o cattivo, e in effetti ho iniziato annusando il vino che produceva lui: alcuni tagli tradizionali con Glera, Verdiso, Boschera o il Prosecco sur lie, rifementazioni in bottiglia, perché il nonno non aveva le autoclavi”.

Cinzia segue gli studi classici, una grande passione per l’arte e l’architettura, suo grande sogno, la danza classica, e la necessità di lavorare per potersi mantenere agli studi. Dopo la Laurea in Lettere e Filosofia comincia a lavorare in Bellenda, azienda della famiglia di suo marito, Umberto Cosmo, cominciando dalla campagna per poi passare alla produzione, al magazzino, per un periodo è anche agente di commercio, per diventare infine responsabile dei rapporti con i clienti e delle relazioni pubbliche.

Nel 2005 fonda Le Vigne di Alice mettendo insieme tutte le sue conoscenze e l’esperienza sul campo, ed entra a far parte del catalogo Pellegrini: “adoro il mio lavoro e per questo mi ritengo una persona fortunata ma vorrei far capire che per arrivare a qualcosa di concreto nella vita devi soffrire, non ti viene regalato nulla, tutto va conquistato ogni giorno. Io sono una sognatrice e come tale una rivoluzionaria nel senso che vorrei cambiare sempre qualcosa ogni giorno perché ogni giorno c’è qualcosa di cui non mi accontento. Adoro periodi come gli anni 60/70 perché sono stati momenti di grandi cambiamenti e di grande coraggio, di sentimenti forti. Quando penso ai nostri vini penso a questo, all’idea di dare un’emozione e per poterlo fare devi mettere tutta te stessa nel tuo lavoro che significa fare quello che ti piace, quello che ami e saperlo comunicare agli altri, raccontare qualcosa di te attraverso un vino. Life is a bubble è il mio slogan un Carpe diem moderno che mi guida nel mio lavoro ma anche nella vita”.

  • Anno di fondazione2005
  • Vigneto proprio:12
  • Produzione annuale di bottiglie120000