Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
Trasporto gratuito a partire da 90 €Spese di spedizione

Viñedos Alonso del Yerro

Viñedos Alonso del YerroViñedos Alonso del Yerro

Il nome di Alonso del Yerro suona a molti come quello di una cantina conosciuta e fermamente consolidata tra le grandi case di vino della Ribera del Duero. Se questa è una certezza, non è altrettanto noto che il suo percorso è cominciato nell'anno 2002, quando il matrimonio di Javier Alonso e María del Yerro ha dato forma al suo sogno di produrre grandi vini nelle terre di Roa (Burgos). Da allora, la sua fama e la qualità dei suoi vini non hanno smesso di crescere in modo vertiginoso grazie ad una scrupolosa attenzione per i dettagli e per standard di qualità molto alti.

Mossi dal rispetto per l'ambiente, dall'amore per i loro figli — la cantina è stata infatti ribattezzata con i loro cognomi — e dalla passione per l'eccellenza e per i valori sani, hanno iniziato a gettare le basi di un progetto solido affidandosi a veri esperti del settore. Innanzitutto, hanno incaricato studi minuziosi dei diversi terreni delle tenute, per i quali si sono affidati a Stéphane Derenoncourt (formatosi a Château Fronsac, Château Pavie-Macquin et Château Canon-la-Gaffelière), che è stato il loro consulente enologo sin dagli inizi. Oggi si appoggiano all'enologo francese Lionel Gourgue, che arricchiesce lo staff di Alonso del Yerro con le sue grandi competenze acquisite in cantine di prestigio come Château Figeac o Château Carbonnieux.

In una cantina semplice, ma equipaggiata con tecnologie d'avanguardia, già nella difficile annata 2003 sono stati prodotti vini che hanno lasciato il segno per qualità e forte personalità. Nel 2007, la cantina ha scommesso sull'ampliamento dei propri orizzonti virando verso la vicina D.O. Toro, dove hanno iniziato a produrre il Paydos utilizzando l'uva regina della zona, la rossa di Toro, con le stesse premesse di qualità dei vini della D.O. Ribera del Duero, ma con il carattere forte che le terre di Zamora imprimono alle loro uve.

La filosofia aziendale del lavoro in vigna si basa sull'idea che le viti facciano parte di un contesto nel quale debbono inglobarsi. In questa logica, si rispetta al massimo l'ecosistema, tutti i lavori vengono realizzati a mano e i prodotti di sintesi non trovano alcuno spazio; infatti, l'unico apporto che ricevono le vigne di Alonso del Yerro è il compost che loro stessi preparano e applicano soltanto quando le condizioni dell'annata lo richiedono. Si ricerca la massima espressione del terroir, osservando ogni anno il comportamento dei diversi suoli e fermentando ogni parcella in modo separato, affinché ogni vino possa apportare la sua parte di complessità al coupage finale, che inizierà quindi l'affinamento in barrique.

Nella Ribera del Duero la cantina possiede 26 ettari di vigneto di tempranillo, piantato nel 1989 tra gli 800 e i 400 metri di altitudine, mentre nel Toro possiede 8,80 ettari piantati tra il 1930 e il 1988 a un'altitudine media di 700 metri s.l.m. I vini della casa sono riconoscibili per la finezza e l'eleganza, ma anche per esprimere intensità, ampi aromi fruttati e una decisa mineralità, frutto delle cure meticolose alla vigna. Senza dubbio, Alonso del Yerro si avvicina ad alcuni dei vini più amati ed apprezzati della Ribera del Duero più contemporanea.

  • Vigneto proprio:26.5
  • EnologoLionel Gourgue / Stéphane Derenoncourt

Tutti i vini di Viñedos Alonso del Yerro

4,1/5
(Basato su 11 recensioni su 3 vini)