Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €

Pinot grigio

Il pinot grigio è l'uva a bacca grigia, cioè rossiccia, più diffusa al mondo, anzi una delle più coltivate in assoluto a livello internazionale. Di buona vigoria e produttività costante, richiede comunque attenzione sia in vigna sia in cantina, anche perché si adatta solo ad alcuni climi, generalmente freschi o temperati. Originario della Borgogna, è ancora diffuso in Francia, ma non più come un tempo. Infatti, ha ormai assunto un profilo prevalentemente internazionale, e viene coltivato in quantità in Austria, Germania, Slovenia, Svizzera e, soprattutto, Italia. Portato al successo, nel Novecento, da cantine industriali molto orientate alla quantità, specie in Triveneto, il pinot grigio in Italia ha cavalcato l'onda di alcune caratteristiche che lo rendono un bianco immediato e di beva abbastanza scontata: dai profumi intensi e facilmente leggibili, floreali e fruttati, esprime solitamente una struttura vellutata e senza spigoli, con buona alcolicità. In anni recenti, nelle stesse regioni, ma occasionalmente anche altrove, come in Toscana, il pinot grigio viene valorizzato con più accuratezza per il suo versante minerale, esaltando le doti più sfaccettate della sua struttura. Si presta molto bene ad essere vinificato dopo una leggera permanenza del mosto a contatto con le bucce, assumendo un colore ramato e una piacevole rotondità.

Leggi di più
102 prodotti

9,50

14,90

13,20

11,90

13,55

11,52

-15%

21,85

17,48

-20%

8,00

13,20

17,90

11,00

13,90

12,90

10,32

-20%

18,50

8,00

7,60

14,55

11,64

-20%

14,90

10,00

11,80

24,90

19,92

-20%

16,65

6,45

19,00

Esaurito

24,50

Esaurito

11,90

Esaurito

17,90

14,32

-20%
Esaurito

15,90

Esaurito

12,80

Esaurito

8,80

Esaurito

28,90

Esaurito

13,55

12,20

-10%
Esaurito

10,39

Esaurito

19,90

Esaurito

19,90

Esaurito

18,90

Esaurito

34,50

Pinot grigio

Il pinot grigio è l'uva a bacca grigia, cioè rossiccia, più diffusa al mondo, anzi una delle più coltivate in assoluto a livello internazionale. Di buona vigoria e produttività costante, richiede comunque attenzione sia in vigna sia in cantina, anche perché si adatta solo ad alcuni climi, generalmente freschi o temperati. Originario della Borgogna, è ancora diffuso in Francia, ma non più come un tempo. Infatti, ha ormai assunto un profilo prevalentemente internazionale, e viene coltivato in quantità in Austria, Germania, Slovenia, Svizzera e, soprattutto, Italia. Portato al successo, nel Novecento, da cantine industriali molto orientate alla quantità, specie in Triveneto, il pinot grigio in Italia ha cavalcato l'onda di alcune caratteristiche che lo rendono un bianco immediato e di beva abbastanza scontata: dai profumi intensi e facilmente leggibili, floreali e fruttati, esprime solitamente una struttura vellutata e senza spigoli, con buona alcolicità. In anni recenti, nelle stesse regioni, ma occasionalmente anche altrove, come in Toscana, il pinot grigio viene valorizzato con più accuratezza per il suo versante minerale, esaltando le doti più sfaccettate della sua struttura. Si presta molto bene ad essere vinificato dopo una leggera permanenza del mosto a contatto con le bucce, assumendo un colore ramato e una piacevole rotondità.