Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Coupon di primavera: SPRING10 (-10€ ordini superiori a 100€) e SPRING25 (-20€ ordini superiori a 190€)

Prié Blanc

Autoctono della Valle d'Aosta, ma secondo alcuni originario del Vallese, il prié blanc è l'uva che raggiunge le massime altitudini in Europa, fino ai 1250 metri, nel comprensorio di Morgex e della Salle. E' coltivato franco di piede su eroici terrazzamenti in alta Valdigne, grazie al fatto che, a simili altitudini, la fillossera non è in grado di sopravvivere. Tardivo per germogliamento e precoce per maturazione, sfugge così sia alle gelate primaverili sia alle prime nevi autunnali. Viene solitamente allevato a pergola bassa per proteggere i grappoli e metterli a più diretto contatto con il suolo, per far sì che di notte ne assorbano il calore accumulato durante la giornata. Ha colore giallo paglierino con riflessi verdolini e al naso profuma di erbe di montagna e fieno, anche se la trama più caratteristica è minerale. Al palato si contraddistingue per la sua marcata acidità e per la sua delicata, quasi evanescente ma molto elegante struttura, talvolta arricchita da una sosta in acciaio sui lieviti. Si presenta benissimo anche in forme più ricercate: da spumante metodo classico, anche con affinamento molto lungo sui lieviti, e da vendemmia tardiva in versione icewine, essendo quello di Morgex uno dei rarissimi comprensori italiani dove questa tipologia può esprimersi correttamente.

Leggi di più
7 prodotti
Esaurito

10,00

Esaurito

38,50

/ bott. 0,5 L
Esaurito

54,00

Esaurito

18,50

Esaurito

11,15

Esaurito

34,50

Esaurito

28,50

Prié Blanc

Autoctono della Valle d'Aosta, ma secondo alcuni originario del Vallese, il prié blanc è l'uva che raggiunge le massime altitudini in Europa, fino ai 1250 metri, nel comprensorio di Morgex e della Salle. E' coltivato franco di piede su eroici terrazzamenti in alta Valdigne, grazie al fatto che, a simili altitudini, la fillossera non è in grado di sopravvivere. Tardivo per germogliamento e precoce per maturazione, sfugge così sia alle gelate primaverili sia alle prime nevi autunnali. Viene solitamente allevato a pergola bassa per proteggere i grappoli e metterli a più diretto contatto con il suolo, per far sì che di notte ne assorbano il calore accumulato durante la giornata. Ha colore giallo paglierino con riflessi verdolini e al naso profuma di erbe di montagna e fieno, anche se la trama più caratteristica è minerale. Al palato si contraddistingue per la sua marcata acidità e per la sua delicata, quasi evanescente ma molto elegante struttura, talvolta arricchita da una sosta in acciaio sui lieviti. Si presenta benissimo anche in forme più ricercate: da spumante metodo classico, anche con affinamento molto lungo sui lieviti, e da vendemmia tardiva in versione icewine, essendo quello di Morgex uno dei rarissimi comprensori italiani dove questa tipologia può esprimersi correttamente.