CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 70 €

Barón de Ley

Barón de Ley

Barón de Ley è incastonata in un antico monastero di Mendavia, nella parte della DOCa Rioja appartenente alla Navarra. Nata del 1985 e ispirata al modello degli châteaux...

Valutazione
4,5/5
(Basato su 97 recensioni su 13 vini)
Anno di fondazione1985
EnologoGonzalo Rodríguez
Vigneto proprio:90 / ha
Paese
Regioni
Uve

Vino di Barón de Ley

10,50

7,80

12,00

12,00

6,95

18,75

12,10

12,00

14,40

7,70

21,70

6,95

20,65

Barón de Ley

Barón de Ley è incastonata in un antico monastero di Mendavia, nella parte della DOCa Rioja appartenente alla Navarra. Nata del 1985 e ispirata al modello degli châteaux del Médoc, questa casa vinicola, con i suoi Reserva e Gran Reserva, si è posizionata come specialista in vini con alto potenziale di invecchiamento. Ad oggi è una delle poche aziende vinicole spagnole quotate in borsa e dà il nome a un importantissimo gruppo vinicolo che riunisce nomi come Coto de Rioja o Finca Museum. Il suo catalogo è uno dei preferiti dagli estimatori del vino della Rioja e una scelta sicura quando si vuol fare bella figura. Vini accessibili e dal classico carattere della DOCa Rioja, ma sempre con un ché di audace e innovativo.

Attraverso la sua gamma di vini monovarietali, Barón de Ley ci offre l'opportunità di provare in purezza le quattro varietà più comuni della Rioja: maturana, un'uva autoctona quasi scomparsa, graciano, l'uva della gracia, del carattere e della distinzione; tempranillo, l'uva riojana per antonomasia, e garnacha, l'uva mediterranea più sensuale ed esuberante.

I rossi di Barón de Ley sorprendono per il possente carattere, capace di coniugare frutta e complessità. Uno stile di vini che si integra alla perfezione nel concetto di classico, ma che indubbiamente rivolge un chiaro sguardo al futuro.

La gamma dei vini bianchi della cantina riflette anche l'audacia e l'innovazione caratteristiche della casa vinicola, attraverso la gran varietà di stili e vinificazioni: freschi e leggeri, giovani e fruttati, ma anche fermentati in botte, invecchiati su fecce e sapientemente affinati.

Barón de LeyBarón de Ley