CARRELLO
-10% con l'acquisto di 6 bottiglie!

Vini di Masciarelli

4,2/5
(Basato su 18 recensioni su 12 vini)

Vini di Masciarelli

L'azienda Masciarelli è stata una delle protagoniste della rinascita del vino abruzzese ed è certamente, oggi, una delle più estese e qualitative sul territorio. Si colloca certamente tra le grandi aziende ambasciatrici del vino italiano nel mondo. Una cantina di indiscussa qualità, che si esprime ad alti livelli di eccellenza fin dai vini d'ingresso, tra il Montepulciano d'Abruzzo della linea classica, che non a caso è sempre tra i bestseller dei rossi italiani.

Risultati strepitosi e successo puntuale anche per le selezioni della gamma Marina Cvetic, che includono sia i classici monovarietali - con un magnifico Trebbiano riserva, bianco che esprime al massimo le potenzialità di affinamento di questo bianco abruzzese - sia alcuni internazionali sperimentali sa cabernet sauvignon, chardonnay, syrah e merlot. Al top la linea Villa Gemma, che regala etichette da antologia come un Cerasuolo d'Abruzzo che è tra i più sontuosi della tipologia e il mitico Montepulciano riserva, un cru di montepulciano che dopo tre anni di affinamento - di cui due in barrique - si è da tempo affermato come uno dei più grandi rossi italiani.

Gianni Masciarelli eredita dal nonno paterno Giovanni la passione per la vigna e per il vino; ed è proprio nella vecchia cantina del nonno che Gianni inizia a creare i suoi vini. Oggi, alla guida dell'azienda, c'è Marina Cvetic, simbolo di una grande realtà che non riposa sugli allori ma continua ad agire nel mondo del vino con la volontà di evolvere e sperimentare. Dai 2,5 ettari iniziali, oggi l’azienda Masciarelli conta circa 300 ettari coltivati a vigneto, disseminati in 14 comuni nelle province di Chieti, Teramo, Pescara e L’Aquila.

Terra di transumanze, di formaggi, di arrosticini, ma non solo: l'Abruzzo regala anche vini superlativi, e Masciarelli è una perla che ogni anno ci regala buona parte di questi doni. Merito di una proprietà estesissima, che però valorizza le piccole parcelle come protagoniste del vino d'eccellenza. C'è la tenuta di Ofena, il "forno d'Abruzzi", ai piedi del Gran Sasso nel pieno delle montagne dell'entroterra aquilano. Poi le quattro tenute nel Teatino, tra colline, boschi e mare, dove spicca un fantastico lavoro sugli autoctoni più ricercati, dal pecorino alla cococciola, parte della tradizione di questa splendida regione. Qui, nel vigneto di San Martino sulla Marrucina che è un gioiello di biodiversità, che si coltiva il montepulciano per la riserva Villa Gemma. E sempre qui, intorno al Castello di Semivicoli, palazzo baronale del XVII secolo oggi wine resort di famiglia, il vigneto di Cascanditella regala un grandissimo trebbiano, pluripremiato e dal lungo potenziale di affinamento. C'è poi la tenuta a Loreto Aprutino, colli pescaresi affacciati sull'Adriatico, che è un rinomato cru del montepulciano e del trebbiano. E infine le tenute del Teramano, con Controguerra in testa.

Si tratta dunque di terreni dalle caratteristiche specifiche, ricchi di minerali, posti a varie altitudini (da 200 a 500 m), dal mare alla montagna, coltivati sia seguendo il tradizionale allevamento a pergola abruzzese sia il filare a guyot; terreni esposti alle diverse condizioni climatiche e dalle diverse tipologie (calcarea, argillosa, sabbiosa, roccia strati, ciottolosa) che producono pertanto specifiche e differenti espressioni dei vitigni in essi coltivati, esaltandone le peculiarità. Nella filosofia produttiva di Masciarelli grande importanza è riconosciuta al territorio e alla sua cultura e tradizione enologica. Pertanto, sin dalla fondazione, l'azienda ha scommesso sulle potenzialità di quei vitigni che parlavano la lingua della sua gente: il montepulciano e il trebbiano, le cui diverse espressioni territoriali sono vinificate separatamente per esaltare, in terra d'Abruzzi, il concetto di terroir.

La linea Marina Cvetic è nata nel 1991 e dedicata alla compagna di vita e d'impresa del mitico Gianni, fondatore dell'azienda. Una gamma di alto livello, dal sublime tocco femminile, pensata per i palati più esigenti e spregiudicati, che cercano in un vino la perfetta unione tra eleganza e voluttà. Marina è un'ambasciatrice del vino italiano nel mondo perché, origini dalmate, dopo aver conosciuto Gianni non ha più abbandonato l'Abruzzo ed è stata tra i protagonisti della rinascita della viticoltura regionale. In azienda, che, dopo la scomparsa di Gianni, Marina guida insieme alla figlia Miriam Lee, oltre il 50% dei dipendenti è donna.

  • Anno di fondazione1981
  • Vigneto proprio:300
  • EnologoCarlo Ferrini
  • Produzione annuale di bottiglie2500000
MasciarelliMasciarelli