Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Fino a -15% su Priorat e Montsant, due facce della stessa regione

Pinot Bianco

Nato da una mutazione genetica naturale del pinot nero, il pinot bianco è una delle più diffuse varietà internazionali. Di origine probabilmente alsaziana o tedesca, dà vini di colore paglierino con profumi di buona intensità, prevalentemente floreali e fruttati con sentori di mela e agrumi, e, a seconda dei terroir, echi minerali più o meno incisivi. Al sorso è piacevole, di media struttura, con buona acidità e discreta morbidezza. A un primo impatto, non si discosta molto da un giovane chardonnay, ma se ne differenzia per la minor propensione all'evoluzione e l'inferiore concentrazione. Per questo, pur essendo vocato alla spumantizzazione con rifermentazione in bottiglia, in Champagne è stato pressoché abbandonato, e risulta utile a tale scopo soprattutto in Italia, a saldo di chardonnay e pinot nero in Franciacorta e Trento. In Italia, peralto, è stato a lungo confuso proprio con lo chardonnay. Viene sovente vinificato come bianco fermo da aperitivo in Friuli, Trentino-Alto Adige e Toscana, talvolta con qualche velleità di affinamento per produrre bianchi più opulenti ma di pronto consumo.

Leggi di più
65 prodotti

14,80

11,10

-25%

21,00

16,80

-20%

15,40

11,54

-25%

23,50

19,97

-15%

14,80

12,58

-15%

14,90

29,80

25,34

-15%

14,90

11,92

-20%

12,55

10,50

8,41

-20%

16,90

13,52

-20%

12,90

15,80

17,70

15,93

-10%

22,95

14,90

11,92

-20%

10,80

11,80

12,50

10,63

-15%

13,65

Esaurito

10,39

Esaurito

14,90

11,92

-20%
Esaurito

10,50

Esaurito

29,50

Esaurito

11,50

Esaurito

13,90

Esaurito

17,90

Esaurito

17,80

Esaurito

16,90

Esaurito

14,25

Esaurito

14,55

Esaurito

11,20

Esaurito

11,50

Esaurito

84,00

Esaurito

50,35

/ bott. 0,37 L
Esaurito

6,00

Pinot Bianco

Nato da una mutazione genetica naturale del pinot nero, il pinot bianco è una delle più diffuse varietà internazionali. Di origine probabilmente alsaziana o tedesca, dà vini di colore paglierino con profumi di buona intensità, prevalentemente floreali e fruttati con sentori di mela e agrumi, e, a seconda dei terroir, echi minerali più o meno incisivi. Al sorso è piacevole, di media struttura, con buona acidità e discreta morbidezza. A un primo impatto, non si discosta molto da un giovane chardonnay, ma se ne differenzia per la minor propensione all'evoluzione e l'inferiore concentrazione. Per questo, pur essendo vocato alla spumantizzazione con rifermentazione in bottiglia, in Champagne è stato pressoché abbandonato, e risulta utile a tale scopo soprattutto in Italia, a saldo di chardonnay e pinot nero in Franciacorta e Trento. In Italia, peralto, è stato a lungo confuso proprio con lo chardonnay. Viene sovente vinificato come bianco fermo da aperitivo in Friuli, Trentino-Alto Adige e Toscana, talvolta con qualche velleità di affinamento per produrre bianchi più opulenti ma di pronto consumo.