Riesling: tutto quello che c'è da sapere su quest'uva e i suoi vini · Italvinus
Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €

Riesling: tutto quello che c'è da sapere su quest'uva e i suoi vini

L'uva riesling è conosciuta come una diva, e non a caso: è probabilmente il vitigno più elegante e particolare del mondo

Vigneto di uve riesling allevate a spalliera

L'uva riesling

La varietà riesling è un incrocio tra l'heunisch (o gouais blanc) e un'altra uva che al momento non è nota. Le sue bacche sono rotonde, di colore giallo-verde e di dimensioni contenute.

È un'uva che richiede temperature fresche, un buon drenaggio e zone soleggiate. Dovrebbe maturare lentamente ed essere coltivata adeguatamente per una resa moderata. Nei climi caldi matura evolve in fretta, perdendo molto del suo fascino.

Grazie alla sua buona resistenza al freddo, ha colonizzato il vigneto tedesco per secoli e l'immagine delle vecchie viti di riesling che coprono i pendii dei fiumi alla ricerca del sole e di una sensazione di fresco è diventata iconica.

Vista di un vigneto collinare sul fiume Mosella (Germania)

Perché il riesling è un'uva così amata?

Non c'è molta variabilità tra i cloni di riesling e non muta facilmente. Anche se esiste un gran numero di cloni, le differenze tra loro sono minime, quindi i vini riesling hanno sempre un'essenza comune, molto riconoscibile.

Inoltre, l'uva riflette il carattere del vigneto con grande chiarezza ed è in grado di adattarsi alla maggior parte dei terreni. Resiste molto bene al freddo grazie al suo ceppo duro e, poiché germoglia tardi, evita la maggior parte delle gelate.

Come se tutto questo non bastasse, i suoi vini invecchiano meravigliosamente, e risultano, tra i bianchi, i migliori per diversi decenni.

Com'è un vino riesling?

I riesling sono vini di alta acidità con un marcato carattere fruttato agrumato e floreale. I sapori del riesling più giovane includono mela, pompelmo, ribes ed erba appena tagliata, mentre invecchiando acquisisce note di cera d'api, marzapane, torta al burro e mele al forno, persino benzina.

Riesling e barrique nuova non vanno troppo d'accordo. Al contrario, un passaggio in legno usato e di grande capacità ne limita le spigolosità e aggiunge complessità. Solo nelle zone con un clima un po' più mite, come il Pfalz, dove le uve sono più alcoliche, il riesling può assimilare abbastanza naturalmente il legno nuovo.

Per quanto riguarda i diversi tipi di terreno, l'ardesia dà un tocco fumé, mentre altre composizioni minerali possono portare a sentori d'acciaio, catramosi o terrosi.

A seconda della maturazione delle uve, gli aromi del vino possono andare dalla calce e dalla pietra focaia all'albicocca matura o all'ananas, sempre con un tocco floreale e speziato sullo sfondo e una dolcezza appagante sul finale. Fumé, pesca e mela cotogna sono anche aromi ricorrenti nei vini riesling.

Per la sua ricchezza organolettica, non ha bisogno di altre uve per mostrare complessità; ha freschezza, aroma e capacità d'invecchiamento. Infatti, i migliori riesling possono invecchiare per 15 anni, anche di più nel caso dei vini dolci esclusivi prodotti con la stessa uva.

I vini dolci

L'uva riesling è alla base di vini bianchi secchi con un marcato carattere citrico e minerale. Tuttavia, grazie alla sua alta acidità, si producono anche riesling dolci di straordinario equilibrio.

Gli eiswein e i Trockenbeerenauslese sono gli esempi più tipici in Germania, insieme con i Beerenauslese, gli Auslese e gli Spätlese, che formano una scala progressiva fino agli esempi più secchi.

In Alsazia, i vini dolci si dividono tra VT (Vendange Tardive) e SGN (Sélection de Grains Nobles).

Vini riesling in Germania

Già nel XV secolo, l'uva riesling era coltivata vicino al Reno. Nei secoli seguenti, cominciò a diffondersi lungo la Mosella, e nel XVIII secolo si impadronì dei vigneti nella loro totalità, il che fu una vera rivoluzione. Nel XIX secolo cominciò ad essere piantata su larga scala, e la varietà divenne la regina delle uve della Germania, e i riesling tedeschi cominciarono a farsi un nome.

La valle della Mosella è di per sé uno spettacolo naturale con i suoi pendii estremi coperti di vigneti che guardano il fiume alla ricerca della sua abbondanza. Il clima è freddo, come testimonia la cantina di Günther Steinmetz. Le uve faticano a maturare, ma lo sforzo vale la pena, perché i terreni di ardesia e il clima rigido danno come risultato vini di incredibile purezza ed eleganza. Come alcuni dei vini di Steinmetz, i vini della Mosella possono contenere piccole quantità di zucchero residuo che aiuta a bilanciare la loro acidità naturale. Sono vini floreali e delicati, con freschezza citrica e intensa mineralità, più sottili ed eterei di quelli del Rheingau.

È proprio questa bella regione vicino a Magonza, il Rheingau, dove si trova la cantina Robert Weil, che è spesso considerata la più famosa e nobile delle regioni vinicole tedesche. Il Rheingau è la sede dell'istituto di viticoltura e l'idea della classificazione qualitativa dei vigneti tedeschi è nata da queste parti. Rispetto alla Mosella, i vini sono un po' più strutturati e sono il fiore all'occhiello dei riesling secchi di qualità. Sono vini dai sapori intensi, acidi (anche se meno di quelli della Mosella) e profumati di pesche e limoni.

Vini riesling in Alsazia

Alla fine del XV secolo, le viti di riesling erano già note in Alsazia. Anche se la sua importanza nella regione è variata notevolmente nel corso della storia, i riesling alsaziani sono oggi tra i più pregiati al mondo.

L'uva preferisce i siti più ripidi per garantire rese moderate con conseguente qualità superiore. In pianura, i terreni fertili aumentano la produzione, il che può influenzare il livello qualitativo del vino. Non è facile generalizzare, poiché la varietà del terreno alsaziano dà origine a un'infinità di terroir. Si ritiene che i migliori esempi si trovino nel sud della regione, nell'Haut-Rhin, dove i terreni, a causa della loro composizione, si riscaldano in primavera. I vigneti Grand Cru, situati in siti privilegiati e con rese consentite di circa 50 hl/ha, sono una garanzia di successo.

In Alsazia, i vini riesling hanno un carattere più grasso e più rotondo che in Germania, in parte a causa dei terreni argillo-calcarei; inoltre, il riesling alsaziano ha un contenuto alcolico più alto e viene solitamente invecchiato più a lungo in legno, il che gli conferisce uno stile più rotondo.

Vini Riesling in Italia

L'uva riesling è arrivata in Italia settentrionale dall'Austria. Lì troviamo un'interpretazione dell'uva diversa da quella dell'Europa centrale, un Riesling che, senza perdere struttura e aromi fruttati, si conferma un esempio di eleganza e mineralità, di carattere e personalità.

Quali terroir italiani producono questi riesling? Si distingue certamente l'Oltrepò Pavese, nel sud della Lombardia. Una terra di grandi rossi e bianchi piacevoli e profumati che, nelle sue zone più alte e ben esposte, ci offre riesling avvolgenti, pieni e ricchi di minerali. Non hanno una longevità straordinaria, ma sono incredibilmente versatili e possono essere goduti fin dalla loro prima giovinezza.

Grandi riesling si trovano anche nelle Langhe. Nominata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, questa zona mitica consiste anche in vigneti ad altitudini considerevoli, da cui provengono grandi pinot noir e, naturalmente, anche grandi bianchi come il riesling. Un riesling sorprendente, potente e allo stesso tempo verticale, con una forte mineralità e una longevità garantita.

Infine, il terroir italiano con la maggiore inclinazione naturale e somiglianza con quello dell'Europa centrale è l'Alto Adige. È qui che il riesling italiano adotta un profilo simile a quello dell'Alsazia e della Mosella. Si distingue per la sua verticalità e freschezza, spesso con significativa struttura, ma con una mineralità evidente, sentori di idrocarburi e una ottima longevità.

Varietà di piatti in tavola che mostrano la versatilità dei vini Riesling

Abbinamento

L'acidità, la bassa gradazione alcolica e i vari gradi di dolcezza fanno del vino riesling un vero jolly a tavola.

Quelli più leggeri e fruttati sono perfetti per insalate, antipasti o pesce crudo. Quelli più secchi e corposi vanno bene con carni grasse come oca, anatra o maiale arrosto, pesce come trota o salmone, o anche con il paté. L'auslese può funzionare con dessert non troppo dolci, mentre lo stile alsaziano può accompagnare praticamente tutto, dal pollo speziato alla torta di cipolle. Tutti i riesling leggermente dolci o semidolci funzionano meravigliosamente con piatti caldi e piccanti come il curry tailandese, o piatti intensi come il Tex-Mex.