Cocchi Americano Cocchi Bianco · Acquista a 18,50 € su Italvinus
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €

18,50

/ bott. 0,75 L
  • Consegna in 24-48h
  • Assicurazione inclusa e garanzia sui resi
  • 4.74/5 Valutazione di Trusted Shops

Scheda tecnica

TipoDolce aromatizzato
Regione
Uve
Produttore
AllergeniContiene solfiti
Gradazione alcolicai16,5%

Il vino

L’Americano Cocchi è un vino aromatizzato, concepito da Giulio Cocchi nel 1891 e prodotto ininterrottamente secondo la ricetta originale. L’Americano Cocchi, per la sua natura, rappresenta il trait d’union tra il vino e i liquori essendo un vino a cui viene aggiunta una piccola quantità di alcool “amaricato” dall’infusione di erbe e spezie pregiate: vino bianco, zucchero, infuso di erbe e spezie in alcool, e in modo particolare fiori e foglie di genzianella, artemisia, china, scorza di arancio amaro, sambuco e altre ancora.

Nella versione classica va servito ben freddo in un calice con cubetti di ghiaccio, completando con una spruzzata di seltz, in modo che sprigioni tutta la sua carica di aromi e profumi caratteristici. Si perfeziona con scorza d’arancia strizzata. La versione Spritz Americano prevede l’uso di un calice da vino e l’aggiunta di uno spumante secco . Diventa Royale se si usa un metodo classico Alta Langa DOCG. Nella versione estiva si colma il bicchiere con ghiaccio tritato per renderlo un ottimo dissetante. La naturale caratteristica amaricante dell’Americano non si perde neanche quando è molto diluito. Nella miscelazione l’Americano Cocchi è estremamente versatile sia nei cocktail classici come Vesper Martini e Corpse Reviver #2, Negroni Bianco sia come modifier che come base per infusi aromatizzanti. È particolarmente felice la miscelazione con spiriti come gin, vodka e metzcal. È un perfetto ingrediente per la nuova forte tendenza dei cocktail “low octane”, a basso contenuto alcoolico.

Consumo e conservazione

Servire tra 4 ºC e 6 ºC

Recensioni dei nostri clienti

0,0/5
0 recensione

La cantina

Cocchi

Cocchi

Giulio Cocchi, giovane e creativo pasticciere di Firenze, a fine Ottocento si trasferì ad Asti, una cittadina italiana del Nord ovest non distante da Torino. Stando alla leggenda, Giulio Cocchi si innamorò della figlia del proprietario di uno dei bar situati sulla piazza principale della città, piazza Alfieri. Sembra che il suo amore fosse ricambiato, visto che ancora oggi quel bar è conosciuto come “Il Cocchi”, un punto di riferimento per la...

>>