Ceci Otello NerodiLambrusco · Acquista a 9,00 € su Italvinus
Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €
Raccomandato
Ceci Otello NerodiLambrusco

Ceci Otello NerodiLambrusco

Un rosso di classe che sorride con le bollicine
3
VITI AIS
90
SUCKLING

9,00

/ bott. 0,75 L
  • Consegna in 24-48h
  • Assicurazione inclusa e garanzia sui resi
  • 4.76/5 Valutazione di Trusted Shops

Scheda tecnica

TipoLambrusco rosso
Regione
Uve
Produttore
AllergeniContiene solfiti
Gradazione alcolicai11,0%
Produzione500.000 bottiglie

Il vino

Otello Nerodilambrusco è il lambrusco più pregiato delle Cantine Ceci. Non il solito vino rosso frizzante italiano semplice e immediato, ma un vino di grande livello sensoriale. Piacevole ed elegante al tempo stesso, Otello è diventato negli anni il lambrusco più iconico nel mondo.

Le sue stuzzicanti bollicine vestono un calice di straordinarie potenzialità. È stato il primo lambrusco a ottenere importanti riconoscimenti in Italia e all'estero. Un lambrusco potente, sfaccettato e complesso, che nasce dopo anni di sperimentazione sull'uva lambrusco maestri, tipica della zona di Parma.

Fruttato, sapido e morbido, Ceci Otello è un rosso quotidiano, che si può bere e acquistare senza pensieri. Una scommessa sicura sull'Emilia, la regione del prosciutto e del tortellino che proprio Otello ha rilanciato anche come grande zona del vino. Frizzante, ovviamente!

Otello è il lambrusco più nobile delle Cantine Ceci. Un rosso che unisce profondità e leggerezza all'insegna del gusto contemporaneo. Porta per questo motivo il nome del fondatore della cantina.

Che sapore ha questo vino?

Otello è il paradigma dell'interpretazione moderna del lambrusco, agile ma al tempo stesso complessa. È un piacevole vino rosso frizzante, di colore porpora intenso con vivaci riflessi violetti.

L'olfatto esprime una carrellata complessa e intrigante di sensazioni ben armonizzate tra loro. Ci sono ovviamente note vinose e fruttate, con pimpanti richiami di fragola, more e lampone. Si susseguono rinfrescanti accenni floreali di peonia e ciclamino.

Ma quello che stupisce assaggiando Otello è come questo calice vada oltre rispetto al cliché del lambrusco. Menta, liquirizia, sottobosco, cannella, e tutto un contappunto di erbe aromatiche completano il bouquet di questo rosso che di frizzante ha anche l'olfatto.

Una complessità inusitata per un lambrusco, che si conferma nell'avvolgente morbidezza del sorso, di spessore e cremoso, fruttato e persistente. Si chiude, infatti, con una piacevole scia sapida che invoglia al sorso successivo.

Leggero
Robusto
Morbido
Tannico
Secco
Dolce
Delicato
Acido
Colore
Rosso porpora / Riflessi violacei
Fragranza
Mirtillo / Lampone / Viola / Sottobosco / Liquirizia / Confettura di mora
Palato
Avvolgente / Cremoso / Pieno / Fruttato / Sapido

Consumo e conservazione

Otello è un vino rosso frizzante da consumare giovane, quando esprime al meglio le sue fragranti caratteristiche. Non è concepito per l'invecchiamento, e non ne guadagna.

Rosso innovativo e autentico capolavoro delle Cantine Ceci, Otello va servito fresco, intorno ai 10 °C, per apprezzarne ancor più la pizzicante freschezza e bilanciarne la leggera inclinazione abboccata.

È ideale utilizzare un calice di media apertura, non troppo grande. Il vino si terrà meglio in temperatura e sprigionerà con la giusta misura i suoi profumi delicati.

Servire tra 8 ºC e 10 ºC

Abbinamenti

Di fronte a un campione del lambrusco, non possiamo non consigliare alcuni abbinamenti regionali. La cucina emiliana è quasi fatta apposta per accompagnare questo rosso frizzante, e viceversa.

Otello va accostato senza timore a una serie infinita di salumi tipici, dal culatello ai prosciutti di Parma stagionati. Ne esalterà il corpo e la sapidità. È certamente da provare anche con lo gnocco fritto.

I primi? Qui c'è l'imbarazzo della scelta: un Otello è il compagno perfetto per una bella lasagna, ad esempio, perché ne sgrassa il sugo e la besciamella tenendo ottimamente testa alla concentrazione aromatica di ragù e pomodoro. E con un tortellino in brodo? Beh, Otello, naturalmente!

Sui secondi si potrà spaziare da tutte le carni bianche, di cottura leggera, fino ai bolliti: non sottovalutate Otello e mettetelo nel carrello anche se prevedete una cena alquanto elaborata.

pasta
Pasta
aves-y-carnes-blancas
Pollame e carne bianca
embutidos-y-jamon
Salsicce e prosciutto
entrantes
Antipasti
arroces
Riso

Pasta al forno / Pasta al ragù / Tortellini al ragù / Coniglio con i peperoni

Il giudizio degli espertiI recensioni di Suckling

Very fruity with just a hint of sweetness. Full body, a good bead of bubbles and a dark berry finish. Nice bitter end with some tannic tension. Drink now.

— James Suckling (20/10/2017)JamesSuckling.com90 SUCKLING

Recensioni dei nostri clienti

4,9/5
51 recensioni

Cantina e produzione

Le uve dell'Otello vengono vendemmiate a fine settembre. Portate in cantina e selezionate, subiscono una macerazione nel mosto di circa una settimana.

Il vino viene fatto fermentare in solo acciaio e poi prende la sua spuma in autoclavi dello stesso materiale. Si tratta dunque di un vino rosso frizzante prodotto con metodo charmat o martinotti.

In questo modo, il vino conserva tutte le sue fragranze varietali, soprattutto floreali e fruttate. Questa tecnica di produzione permette di ottenere un vino rosso frizzante dal basso titolo alcolometrico, circa l'11%, e con un leggero residuo zuccherino, di circa 30 g/l, che si traduce in una beva piacevole e morbida.

Recipiente di fermentazioneAcciaio inox

Vigneto

TerrenoCalcareo-argilloso / marnoso
ClimaContinentale
ReseRese medie

L'azienda

Cantine Ceci

Cantine Ceci

Nel 1938 nonno Otello Ceci gestiva una delle più rinomate osterie della bassa parmense. Qui, gustando i piatti tipici della tradizione, i commensali assaggiavano il rinomato lambrusco che Otello Ceci produceva con le uve dei produttori locali. I suoi figli Bruno e Giovanni per primi intuiscono che quel Lambrusco merita un grande successo: sono i ruggenti anni ’60 e l’osteria si trasforma in cantina. Oggi i suoi nipoti Alessandro, Maria Teresa, Maria...

>>