Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioniRegioni
Trasporto gratuito a partire da 90 €Spese di spedizione
Pio Cesare Barolo 2016

Pio Cesare Barolo

2016
Barolo (Italia)
95
PARKER
95
SUCKLING

La cantina Pio Cesare fu fondata nel 1881 ed oggi è l'unica rimasta nella capitale delle Langhe, Alb...

Disponibile in 9 giorni
-15%

69,00

58,65

/ bott. 0,75 L

Descrizione - Pio Cesare Barolo 2016

Tipo

Vino Rosso

Denominazione di origine

Uve

Produttore

Gradazione alcolica

14,5%

Formato e annata

0,75 L - 2016

Valutazione

La cantina Pio Cesare fu fondata nel 1881 ed oggi è l'unica rimasta nella capitale delle Langhe, Alba. A questa storica realtà, ed alla figura di Pio Cesare in prima persona, va riconosciuto il merito di esser stata tra le prime, nella seconda metà dell'Ottocento, a credere nelle grandi potenzialità dei vini langaroli, Barolo e Babaresco in cima alla lista.

Il Barolo di Pio Cesare è un prodotto classico con un quid di modernità: nasce, come da tradizione, dalle uve provenienti dagli appezzamenti di Serralunga d'Alba, Grinzane Cavour, La Morra, Barolo, Novello, Castiglione Falletto e Monforte. Il vino, dopo una tradizionale lunga fermentazione, matura per oltre tre anni sia in barrique di rovere francese sia in botti di maggiore capacità, coniugando idealmente tradizione e innovazione.

Il risultato è un vino equilibrato, caratterizzato da tannini fermi ma misurati, un'interpretazione schietta e pronta di questo straordinario Nebbiolo. Al naso conquista il gioco tra note dolci di prugna secca e confettura e spunti più freschi, balsamici e di liquirizia, mentre all'assaggio è pulito, fine e persistente, avvicinabile in gioventù ma straordinariamente appagante.

Abbinamenti

Piccione / Fagiano arrosto / Brasato al barolo / Filetto con i fichi

Nota di degustazione

  • Colore:Rosso granato
  • Fragranza:Spezie / Confettura di prugne / Complesso / Note balsamiche
  • Palato:Fresco / Persistente / Pronto / Tannino elegante

Raccomandazioni

  • Temperatura di servizio ottimale:Tra 16 ºC e 18 ºC

Recensioni dei nostri clienti

4,7/5
6 recensioni
5 stelle
4
4 stelle
2
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
da: Fabrizio (1/3/2019) - Annata 2014

Eccelenza

Gusto rotondo corposo con note di frutti di bosco, uno dei migliori Barolo eccelenza italiana lo consiglio a tutti top

da: Louis (5/4/2019) - Annata 2014

Valeure sure

Y compris dans ce millesime compliqué pour Barolo, Pio Cesare est au rendez vous. A conserver quelques annees, sera parfait apres 10 ans avec des tannins legerement plus fondus

da: Wim Ubachs (28/5/2018) - Annata 2013

Five star Barolo for me

"The name Barolo should not be downgraded by calling it 'regular', simply because there is no vineyard designation on the label.", says Pio Cesare at the backside of their bottles. And they are right. It's not about what comes after the word Barolo, it's about what's in front of it: Pio Cesare in this case. Five star Barolo for me.

da: PB (21/2/2018) - Annata 2013

Excellent!

Pio Cesare offre des vins d’une grande finesse et moins secs que d’autres grands Barolo. La dégustation est un moment de plaisir et on peut apprécier la saveur et la noblesse de ce vin. Et avec un millésime exceptionnel comme le 2013, cela devient même grandiose!

da: Italvinus Customer (15/10/2017) - Annata 2013

Great Barolo

Fine tannins and acidity combined with pleasant fruit. Complex taste that evolves with each sip. Drinks well now but needs some time to open up. Would like to drink whole stash away now but this will keep improving for years and lasts for decades if properly stored.

Pio Cesare

Pio Cesare

Attiva da cinque generazioni, Pio Cesare è una delle aziende più storiche di Alba e dell'intero comprensorio delle Langhe. Costruita lungo le mura romane dell'Alba antica, l'azienda è attiva sin dal 1881. Il team, oggi decisamente rimodernato ma ancora governato dalla famiglia, si prende cura di ben 70 ettari di vigneto, compresi nella zona del Barolo e del Barbaresco. La gamma, improntata su uno stile riconoscibile e tradizionale, con tocchi di modernità tutt'altro che radic...