Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioni
Trasporto gratuito a partire da 90 €Spese di spedizione
Fontanavecchia Aglianico del Taburno Rosato 2017

Fontanavecchia Aglianico del Taburno Rosato

2017

Fontanavecchia, l'azienda condotta dalla famiglia Rallo, ha il merito di aver contribuito in maniera...

Ultime 2 bottiglie. Spedizione immediata

11,50

/ bott. 0,75 L

Descrizione - Fontanavecchia Aglianico del Taburno Rosato 2017

Tipo

Vino Rosato giovane

Denominazione di origine

Uve

Produttore

Gradazione alcolica

13,5%

Formato e annata

0,75 L - 2017

Valutazione

Fontanavecchia, l'azienda condotta dalla famiglia Rallo, ha il merito di aver contribuito in maniera sostanziale all'elevazione dei vini del Taburno. Anche il rosato, la cui qualità è rimasta costante negli anni, ne è un esempio ed infatti si fregia, per la prima volta con la vendemmia 2011, della Docg.

Il vivace colore, che ricorda un tramonto sul mare, già suggerisce qualcosa sulla personalità di questo vino campano solare e ricco di frutta polposa.

Al naso è schietto, preciso: sentiamo frutta fragrante, fiori ed un lieve accento vegetale. I profumi offerti sono quelli delle irresistibili primizie estive: fragole, lamponi, ciliegie, susine, una delizia! All'assaggio una nuova conferma per un vino di immediata piacevolezza, scattante, coerente, in cui ritroviamo il frutto succoso sorretto da una sostenuta acidità, entrambe a donare a questo prodotto una splendida bevibilità. Ottime anche pulizia e persistenza, ancora fruttata con una punta vegetale.

Per un pranzo sul terrazzo, gustatelo alla giusta temperatura in abbinamento ad un piatto di calamarata fumante!

Bouillabaisse / Calamarata / Coniglio all'ischitana / Baccalà alla livornese

  • Colore:Rosa chiaretto
  • Fragranza:Note vegetali / Fruttato / Lampone / Susina
  • Palato:Fruttato / Fresco / Polposo / Godibile
  • Temperatura di servizio ottimale:Tra 8 ºC e 10 ºC

Azienda Agricola Fontanavecchia

Azienda Agricola Fontanavecchia

"Siete mai stati qui a Fontanavecchia quando l'autunno, fingendosi bella stagione, infiamma di colori i tralci esausti ai cieli di Ottobre? O forse quando la pioggia, dopo tanto dispendio di sole, ricopre di erba fresca le zolle impietrite e culla i mosti impetuosi di spuma nel buio dei tini? Passate, fermatevi almeno una volta. Il mio vino ha carne ed ossa e pelle che è profumata di memoria, sapore che avvolge le lingue e risveglia la parola, il mio vino è sangue di questa t...