Paese di destinazione:
Italia
Lingua
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €
Castelgiocondo Brunello di Montalcino 2016

Castelgiocondo Brunello di Montalcino

2016
Il Brunello moderno che ha 700 anni di storia
93
PARKER
95
SUCKLING
17.5
JANCIS ROBINSON
93
WINE SPECTATOR
93
DECANTER

Altri formati e annate

-20%

46,80

37,44

/ bott. 0,75 L
  • Consegna in 24-48h
    Trasporto gratuito a partire da 90 €
  • Assicurazione inclusa e garanzia sui resi
  • 4.76/5 Valutazione di Trusted Shops

Scheda tecnica

TipoVino rosso
Regione
Uve
Produttore
AllergeniContiene solfiti
Gradazione alcolicai15,0%

Il vino

Castelgiocondo Brunello è il grande rosso prodotto nella tenuta di Montalcino dei Marchesi de' Frescobaldi. Una famiglia che è garanzia di storia, territorio, affidabilità. Dalle sue tenute toscane provengono alcuni dei più grandi vini italiani, noti in tutto il mondo. I Marchesi Antinori possiedono, tra le altre, la tenuta del Chianti Rufina Nipozzano e la tenuta dell'Ornellaia, a Bolgheri, che produce anche il mitico Masseto.

Castelgiocondo è un vino di grande struttura, elegante ed equilibrato. È considerato un punto di riferimento per il Brunello e ha un sensazionale rapporto qualità/prezzo. Un rosso longevo, dalle infinite sfumature, destinate a evolvere nel tempo. Un Brunello per tutti i palati, pronto da bere subito ma ideale per un lungo affinamento. Un'etichetta che offre una continua scoperta di aromi, profumi, sapori, ricordi.

Che sapore ha questo vino?

Di colore rosso rubino acceso, il Brunello Castelgiocondo incarna tutte le qualità del grandioso sangiovese di Montalcino. All'olfatto, questo calice entusiasma con note intense di frutta rossa, anche di bosco: mora, ribes, prugna e mirtillo. Il lungo affinamento in botte lascia il segno, ma con grande eleganza. Si avvertono infatti finissimi cenni tostati di vaniglia, tabacco e caffè. Un naso equilibrato e complesso, al tempo stesso fragrante ed evoluto. Nel finale emergono note balsamiche e di eucalipto.

Il sorso conferma le poliedriche impressioni del bouquet aromatico. È un sorso caldo, morbido ed armonico, con tannini fitti ed eleganti che ben si amalgamano nella struttura, supportati anche da una bella acidità. Emerge, soprattutto nelle annate migliori, una caratteristica vena sapida e minerale. Un Brunello del tutto avvicinabile, non solo nel prezzo: il sorso scorre subito bene, veloce e vellutato, senza tannini troppo astringenti. Il finale è lungo e persistente con lievi cenni fruttati nel retrogusto.

Leggero
Robusto
Morbido
Tannico
Secco
Dolce
Delicato
Acido
Colore
Rosso rubino / Brillante / Unghia granato
Fragranza
Viola / Mora / Cassis / Confettura di mirtillo / Prugne secche / Caffè / Vaniglia / Note balsamiche
Palato
Di corpo / Ampio / Strutturato / Vellutato / Fresco / Tannini eleganti / Saporito / Minerale / Molto persistente

Consumo e conservazione

Castelgiocondo Brunello di Montalcino è un rosso che può essere conservato a lungo in cantina, anche tra i 10 e i 20 anni se ben preservato. Con il tempo, diventeranno ancor più evidenti le note minerali, balsamiche, eteree, di pelli e cuoio. E, al tempo stesso, la struttura diventerà ancor più armonica, morbida e complessa. Tuttavia, questo è un Brunello bevibile fin da subito, grazie al suo stile moderno e dinamico.

Giovane, andrà servito in ampi calici da vino rosso importante. Bicchieri con ampia pancia e apertura stretta, ideali per i grandi vini rossi robusti, corposi e intensi. Un calice di questo tipo ne favorisce l'ossigenazione e quindi lo sviluppo pieno e completo dei profumi verso il naso. Non solo: aiutano anche ad effettuare una piccola decantazione direttamente nel bicchiere.

Servire tra 16 ºC e 18 ºC

Abbinamenti

Castelgiocondo è un Brunello articolato e versatile a tavola. Ma certamente lo si esalta con preparazioni del suo livello: complesse, ricche e impegnative per il naso e per il palato. È quindi perfetto con tutti i primi con sughi di carne, meglio se di selvaggina. E ovviamente con i secondi sostanziosi come stufati, arrosti ripieni, brasati, selvaggina in salmì. Sicuramente da provare in abbinamento ai formaggi stagionati della tradizione italiana, come un grande pecorino toscano.

cocidos-y-potajes
Arrosti e stufati
pasta
Pasta
carnes-rojas
Carne rossa
caza
Selvaggina
quesos-curados
Formaggi stagionati

Punteggio e premi

201793 PK
201693 PK95 SK17.5 JR93 WS93 DC
201593 PK97 SK
201491 PK
201393 PK
201292 PK3 VA
PK: ParkerVA: Viti aisSK: SucklingJR: Jancis robinsonWS: Wine spectatorDC: Decanter

Il giudizio degli espertiI recensioni di Parker, Suckling e Jancis Robinson

The Frescobaldi 2016 Brunello di Montalcino CastelGiocondo shows dark fruit, plum and spice. The wine offers good density and richness, but the aromatic intensity is downplayed compared to some of its peers from this classic vintage. Other than that, all the wine's elements are in the right place with cherry, wild plum, rose and tilled earth. Production is an ample 300,000 bottles.

— Monica Larner (30/11/2020)Robert Parker Wine Advocate Annata 2016 - 93 PARKER

Black-cherry and blackberry aromas with minerals and fresh flowers, following through to a full body with firm, silky tannins that are polished and intense. Lovely finesse and length. Drink after 2023.

— James Suckling (11/11/2020)JamesSuckling.com Annata 2016 - 95 SUCKLING

Lustrous ruby. Sweetly perfumed red fruit and cherry nose with stony hints. Generous fruit on the palate but still not entirely open. Elegant and juicy with fine firm tannins. Long and focused.

— Walter Speller (29/3/2021)JancisRobinson.com Annata 2016 - 17.5 JANCIS ROBINSON

Recensioni dei nostri clienti

4,5/5
2 recensioni
Annata:

Cantina e produzione

Le uve di sangiovese sono vendemmiate a mano e, una volta arrivate in cantina, vengono sottoposte ad una scrupolosa selezione. Tutto si svolge in modo artigianale ma controllato, in perfetto stile Frescobaldi.

La vinificazione avviene in recipienti di acciaio a temperatura controllata, con rimontaggi frequenti soprattutto durante le prime fasi. Questa pratica consiste nel rimescolare le bucce che "galleggiano" nel mosto, ottenendo così una maggiore concentrazione di aromi e corpo, del prodotto finale.

Il vino è stato poi sottoposto ad un invecchiamento in legno. Per il grande sangiovese di Montalcino, duro e nervoso in gioventù, è la norma. Il disciplinare del Brunello richiede infatti cinque anni di sosta in cantina prima della commercializzazione.

Nel caso di Castelgiocondo, il vino matura, si smussa e si affina per 24 mesi in botti di rovere di Slavonia, per altri 24 mesi in barrique di rovere francese e infine per 4 mesi direttamente in bottiglia. Si tratta quindi di un affinamento composito, che guarda allo stile moderno perché affianca le tradizionali botti grandi alle più contemporanee barrique.

In questo modo si ottiene un Brunello particolarmente equilibrato sin da giovane. Ammorbidito e leggermente vanigliato, ma con tutta la solidità e l'austerità del sangiovese di Montalcino.

Recipiente di fermentazioneAcciaio inox
Periodo di affinamento60 mesi
Età delle barriqueUsate
Tipo di legnoRovere di Slavonia / Rovere francese

Vigneto

Storica ed evocativa, la tenuta Castelgiocondo ha alle spalle oltre settecento anni di storia. Dominata dall'antica torre del 1100 e dal piccolo borgo medievale. Castelgiocondo si trova nel versante sud-ovest di Montalcino, a una altitudine di circa 300 metri, un terroir ideale per la produzione di sangiovese.

Quella di Castelgiocondo è una delle primissime tenute ad aver prodotto il Brunello di Montalcino nell'Ottocento, dopo l'intuizione di Biondi Santi. Tuttavia la viticoltura in zona è testimoniata sin dal Medioevo.

I vigneti, esposti a sud e sud-ovest, affondano le radici in un terroir ricco di sabbia, argilla e calcio: caratteristiche che, unite alla significativa altitudine del comprensorio, conferiscono al vino struttura ma anche eleganza e grande finezza aromatica.

TerrenoArgilla
ClimaContinentale
ReseRese basse
EsposizioneSud / Sud-ovest
Altitudine300,00 metri

L'azienda

Marchesi de' Frescobaldi

Marchesi de' Frescobaldi

Sette secoli e trenta generazioni di eccellenza nel vino toscano: è questa la carta d’identità dei Marchesi de’ Frescobaldi. Un impero del vino italiano, che con le recenti acquisizioni supera i 6000000 di bottiglie prodotte all’anno e i 1200 ettari vitati. Nonostante questi grandi numeri, ai Frescobaldi va tuttora riconosciuta un’identità territorialità molto forte, che si traduce in vini espressi ai massimi livelli in ogni...

>>