Vino rossoVino biancoVino spumanteDistillatiAltri viniOfferteConfezioni
Trasporto gratuito a partire da 90 €Spese di spedizione
Berlucchi Franciacorta '61 Nature 2012

Berlucchi Franciacorta '61 Nature

2012
Franciacorta (Italia)

Spuma abbondante e cremosa, con buona persistenza di una tenue corona; perlage sottile e sinuoso. Co...

18 per spedizione immediata

29,00

/ bott. 0,75 L

Descrizione - Berlucchi Franciacorta '61 Nature 2012

Tipo

Vino Spumante (Italia)

Denominazione di origine

Franciacorta (Italia)

Uve

Produttore

Gradazione alcolica

12,5%

Formato e annata

0,75 L - 2012

Valutazione

Spuma abbondante e cremosa, con buona persistenza di una tenue corona; perlage sottile e sinuoso. Colore giallo paglierino intenso con lievi sfumature ramate. Componente olfattiva molto espressiva e complessa, caratterizzata da una netta nota minerale che si amalgama a delicati sentori di agrumi, frutti a pasta gialla e pane bianco. Al palato, il vino è caratterizzato da viva e vibrante acidità, supportata da avvolgente struttura e ottima persistenza che conferiscono dinamismo e tensione gustativa. Millesimato consigliabile a tutto pasto; accompagna piacevolmente antipasti importanti, secondi di pesce, carni bianche e formaggi di media stagionatura.

  • Temperatura di servizio ottimale:Tra 6 ºC e 8 ºC

Recensioni dei nostri clienti

4,0/5
1 recensione
5 stelle
0
4 stelle
1
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0
da: Guido (28/9/2019) - Annata 2011

All’altezza delle aspettative

Berlucchi non sarà all’apice della produzione italiana di bollicine ma non delude mai. Questo ottimo prodotto si presenta con un bel giallo paglierino. Le bollicine sono fini, numerose e persistenti. Al naso, aromi di agrumi che ritroviamo in bocca. Ottima persistenza. Tutto è ben bilanciato e, non ultimo, ottimo rapporto qualità prezzo.

Guido Berlucchi

Guido Berlucchi

Guido Berlucchi, discendente dei conti Lana de’ Terzi, produceva con le uve del vigneto del castello di Borgonato il Pinot del Castello, vino bianco poco stabile in bottiglia. L’amico Alessandro Borghesi gli consigliò di incontrare un giovane e dinamico enologo, Franco Ziliani. Era la primavera del 1955. Ziliani si recò a palazzo Lana Berlucchi e, mentre prometteva al suo ospite di rimediare all’instabilità di quel vino fermo, gli propose di creare un metodo classico in ...