Paese di destinazione:
Italia
Lingua
Vinissimus Collector
COLLECTOR
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 120 €
Malvirà Roero Arneis Renesio 2020

Malvirà Roero Arneis Renesio

2020
BIOLOGICO

16,90

/ bott. 0,75 L
  • Consegna in 24-48h
    Trasporto gratuito a partire da 120 €
  • Assicurazione inclusa e garanzia sui resi
  • 4.76/5 Valutazione di Trusted Shops

Scheda tecnica

TipoVino bianco
Regione
Uve
Produttore
AllergeniContiene solfiti
Gradazione alcolicai13,0%

Il vino

Giuseppe Damonte inizia a produrre vino negli anni ’50 nella sua azienda a conduzione familiare con un sogno: mettere in bottiglia anima e suggestioni della terra che ama, da far scoprire sorso a sorso. A metà degli anni Settanta l’azienda viene ribattezzata Malvirà, con lo stesso nome del vecchio edificio costruito a fine Ottocento nel centro del paese di Canale e che diventa sede della cantina di famiglia. Il curioso nome (che significa all’incirca “girata male”) deriva dall’esposizione a nord del cortile anziché a sud come voleva la tradizione contadina. Nel 1989 la cantina Malvirà viene trasferita nell’attuale sede ai piedi del vigneto SS. Trinità, con ulteriori ampliamenti ed estensioni funzionali.

Massimo e Roberto, seconda generazione della famiglia, hanno ereditato da Giuseppe una filosofia produttiva incentrata tutta sulla tipicità dei vini del Roero: vini raffinati ed espressivi, capaci di regalare sincere emozioni territoriali. Di questo progetto fa ormai stabilmente parte anche la conversione dei vigneti al biologico, ad ulteriore dimostrazione della cura e del rispetto per il territorio che caratterizzano l’operato di famiglia. In cantina, tutti i vini sono etichettati con i simboli dei tarocchi, che in modo allusivo e intrigante raccontano qualcosa dell’esperienza sensoriale che attende l’assaggiatore.

Lo stile Malvirà prevede la medesima vinificazione per tutte le parcelle, o meglio i cru, di proprietà. Uno “stile Borgogna”, si direbbe, che va a tutto vantaggio della valorizzazione dei microclimi e dei suoli che caratterizzano il Roero. Dal 2017, tutti gli arneis sono certificati biologici, e questo conferma una volta di più quanto i fratelli Damonte puntino su questa varietà, che poi è quella che ha dato al Roero grandissima linfa qualitativa oltre che commerciale. In gamma, i Roero Riserva, rossi, esprimono costanza qualitativa e altissimo livello espressivo. Il Renesio è un nebbiolo fresco e dinamico, il Trinità è incisivo, lungo e sottile; consistente e vellutato il Mombeltramo, di grande classe e territorialità. Tra gli arneis, spicca per sapidità il cru Trinità, fresco e slanciato, mentre materico e rotondo, complice un significativo riposo in legno, si rivela il Saglietto.

Basterebbe questo per inquadrare il livello di sperimentazione che Malvirà opera sull’arneis, ma a queste referenze si aggiunge quella che proviene dal cru Renesio, autentica protagonista della storia del bianco piemontese. Vigna Renesio: è infatti in questa tenuta che si hanno le prime notizie risalenti al 1478 sulla coltivazione dell’uva arneis nell’Albese. Secondo alcuni documenti storici provenienti dall’archivio dei Conti Roero, proprietari nel periodo medioevale di questi appezzamenti, si riconduce al nome di questo vigneto quello del vitigno arneis. Era infatti nominato in quel periodo “Reneysium”, successivamente “Renexij” poi italianizzato in “Ornesio”.

Il vigneto è caratterizzato sulla sommità da una doppia fila di cipressi che ricorda un po’ la Toscana e da una vecchia casa colonica risalente al 1700. Situato nel comune di Canale, è esposto a sud-nord-est, ad un’altitudine compresa tra i 260 e i 320 metri; si estende per 6,5 ettari e presenta suolo argilloso-calcareo, il che lo rende idoneo sia al nebbiolo sia all’arneis, che di fatti risulta di ottimo corpo, austero e vocato alla longevità.

Renesio, vinificato e affinato “semplicemente” 7-8 mesi in acciaio con frequenti batonnage, rappresenta la quintessenza dell’arneis classico top di gamma e, in generale, del grande autoctono bianco italiano. Un calice di color paglierino tenue, sussurrato, a volte con riflessi verdognoli. Al naso esprime un bouquet che, all’attacco, pare delicato e accennato, con note di fiori bianchi, frutta gialla fragrante, pesca bianca, echi vegetali e lievissimi sbuffi speziati. Anticipato da una mineralissima nota di gesso, il sorso è esplosivo, gustosamente sapido e di dinamica freschezza. Un assaggio solido, materico, di grande equilibrio e pregevole persistenza, in un perfetto equilibrio tra note dolci e amarognole. Da provare a trecentosessanta gradi, ma imbattibile con sushi e sashimi, spaghetti, frutti di mare, capesante, coniglio, formaggi freschi.

Che sapore ha questo vino?

Colore
Giallo paglierino / Brillante
Fragranza
Fresco / Note vegetali / Frutti a polpa bianca / Floreale / Speziato / Minerale
Palato
Fresco / Avvolgente / Armonico / Persistente / Sapido

Consumo e conservazione

Servire tra 6 ºC e 8 ºC

Abbinamenti

Pesce / Sushi / Piatti vegetariani / Formaggi freschi

Punteggio e premi

20193 GR
GR: Gambero rosso

Recensioni dei nostri clienti

0,0/5
0 recensioni

L'azienda

Malvirà

Malvirà

Giuseppe Damonte inizia a produrre vino negli anni ’50 nella sua azienda a conduzione familiare con un sogno: mettere in bottiglia anima e suggestioni della terra che ama, da far scoprire sorso a sorso. A metà degli anni Settanta l’azienda viene ribattezzata Malvirà, con lo stesso nome del vecchio edificio costruito a fine Ottocento nel centro del paese di Canale e che diventa sede della cantina di famiglia. Il curioso nome (che significa all’incirca...

>>