Guida al vino spagnolo per principianti
CARRELLO
Trasporto gratuito a partire da 90 €

Guida al vino spagnolo per principianti

Rioja è probabilmente il primo nome che viene in mente quando si parla di vino spagnolo. Ma quali altre denominazioni ci sono? Quali sono le più rilevanti? E il vino bianco spagnolo? Quali sono le migliori marche di cava? In questa snella guida vi offriamo una breve guida al vino spagnolo.

Su Italvinus potete trovare circa 5000 etichette di vini spagnoli online provenienti da tutte le regioni spagnole citate nella descrizione e riportate sulla mappa. Vini per tutti i gusti e per tutte le tasche, perfetti per assaggiare qualcosa di nuovo e di diverso. 

La Spagna è il terzo produttore di vino del pianeta e il paese con il maggior numero di ettari di vigneti al mondo (quasi 1 milione). Le sue più di 10000 cantine producono vini molto diversi: da quelli molto accessibili ed economici a vere e proprie gemme, tra le quali non è sempre facile scegliere. 

Quali sono le principali denominazioni in Spagna? 

Le principali regioni produttrici di vino di qualità in Spagna si trovano nella parte settentrionale della penisola iberica e sono fondamentalmente tre: Rioja, Ribera del Duero e Priorat, tre zone dove si produce principalmente vino rosso spagnolo. 

All'estero, il vino spagnolo è conosciuto in modo approssimativo. Molti identificano il vino spagnolo con etichette dal costo contenuto ma non di grande eleganza e raffinatezza. Altri conoscono il vino spagnolo come un rosso opulento e muscolare, spesso a imitazione dei Bordeaux più potenti. Tantissimi conoscono a malapena lo sherry. 

Quasi tutti hanno in mente il vino spagnolo con la frutta, cioè la sangria. Che vino si usa per la sangria? Un rosso, ma anche un bianco o uno spumante possono andare... comunque, non certo etichette rappresentative della grande qualità del vino spagnolo. Scopriamolo un po' meglio, allora! 

La D.O.Ca. Rioja 

La Rioja è una delle due regioni più antiche della Spagna. L'altra è Jerez. È anche la più prestigiosa del paese, e la sua storia più recente è strettamente legata alla storia dei vini di Bordeaux e alla piaga della fillossera. L'invecchiamento dei vini in botti, ispirato allo stile francese del Médoc, e la commercializzazione del vino in bottiglia furono introdotti in Spagna dal Marchese di Murrieta e dal Marchese di Riscal. La ferrovia che collegava queste due regioni spagnole era indispensabile per la sopravvivenza e lo sviluppo di entrambe. Ecco perché il modo migliore per conoscere il vino di Rioja e il vino di qualità di tutta la Spagna è visitare una delle cantine centenarie nell'emblematico Barrio de la Estación, nella città di Haro. La Compañía Vinícola del Norte de España, CVNE, 'la Cune', è una di queste e offre una vasta gamma di vini a tutte le fasce di prezzo. 

La regione vinicola di Rioja non deve essere confusa con la comunità autonoma di La Rioja (scritta con un articolo davanti). Il vigneto Rioja si estende sulle comunità di La Rioja, Navarra e Paesi Baschi ed è diviso in tre sottoregioni: Rioja Alta, Rioja Baja e Rioja Alavesa, tutte e tre sulle rive del fiume Ebro. 

I vini Rioja sono probabilmente i vini rossi spagnoli più famosi: spiccano in particolare quelli tradizionali e sono invecchiati in rovere americano, mentre gli stili più moderni sono per lo più invecchiati in botti di rovere francese. Per renderti conto della differenza, puoi confrontare un vino di López de Heredia Viña Tondonia o La Rioja Alta, per esempio, con uno qualsiasi dei vini di Artadi, una cantina che, nonostante sia uscita dal Consiglio di Controllo della Rioja, offre alcuni dei migliori esempi di Rioja moderna. Altre cantine, come Marqués de Murrieta, offrono vini di entrambi gli stili. 

Il vitigno principale nei vini di Rioja è il tempranillo, ma è molto comune trovarlo accompagnato da percentuali di garnacha, graciano o mazuelo, soprattutto nei vini più tradizionali, o anche maturana rosso. Il viura è la principale varietà bianca, seguita da tempranillo blanco, garnacha blanca e malvasía

Rioja è una regione immensa ed eccitante dove tutti i palati possono trovare il loro vino. Vi si trovano sia i vini più classici e tradizionali che le grandi marche con uno stile più convenzionale; i vini dei piccoli viticoltori e delle cantine familiari, accanto a quelli dei viticoltori e degli enologi più rinomati. Oltre a quelli citati, provate qualche vino di Artuke o Abel Mendoza e avrete una prima idea di cosa significhi la diversità della Rioja; e godetevi le creazioni di maestri come Benjamín Romeo (Contador) o Marcos Eguren (Viñedos de Páganos, San Vicente e Sierra Cantabria). Possiamo trovare vini delle categorie Rioja Crianza, Rioja Reserva e Gran Reserva... come ad esempio il famoso vino spagnolo Castillo Ygay Gran Reserva Especial

La Ribera del Duero DO 

La Ribera del Duero è una regione di vini maturi e potenti, con aromi molto marcati derivati dal loro invecchiamento in legno. Questi vini sono fatti principalmente con tempranillo, anche detto tinto fino o tinta del país, anche se non è raro trovare uve cabernet sauvignon in molti di essi. Mentre i tempranillo della Rioja sono caratterizzati da una combinazione di aromi fruttati e terrosi e da un carattere austero, i tempranillo della Ribera del Duero tendono ad essere densi e opulenti, con un'eleganza più signorile. I vini della Ribera del Duero possono ricordare i vini australiani per la loro intensità. 

Nella Ribera del Duero, il vino tradizionale coesiste anche con quello di uno stile più moderno. Come in Rioja, anche qui troviamo vini delle categorie Crianza, Reserva e Gran Reserva, più una quarta categoria aggiuntiva: i vini Roble, vini invecchiati in botte per pochi mesi. Non è una categoria ufficiale, quindi non la vedrete sulle etichette posteriori delle bottiglie, ma è un tipo di vino molto popolare e ideale per capire questa denominazione. Un paio di vini che sono sempre una buona scommessa: Pago de los Capellanes Roble e Resalso de Emilio Moro

La Ribera è la denominazione delle cantine emblematiche di Vega Sicilia e Dominio de Pingus, della classica Matarromera o Pesquera, così come una lunga lista di produttori di vino indispensabili come Aalto o Hacienda Monasterio. Nella Ribera del Duero possiamo trovare anche viticoltori con produzioni molto piccole, fatte in modo totalmente artigianale da vitigni provenienti da importanti patrimoni di vigneti molto vecchi, come nel caso di Jorge Monzón, del Dominio del Águila

Il Priorat D.O.Q. 

Priorat e Rioja sono le uniche due regioni della Spagna che sono Denominación de Origen Calificada (D.O.Ca., o D.O.Q, nel caso del Priorat catalano). Una categoria superiore in cui Rioja viene ascritta per il suo prestigio storico, e Priorat per l'eccezionalità dei suoi terreni di llicorella: lastre di ardesia e quarzite color liquirizia (llicorella in catalano), che sfaldandosi ricoprono le colline di pizarras (letteralmente: lavagne). I vini del Priorat sono intensi, muscolosi e dalla mineralità molto marcata dovuta all'ardesia; vini terrosi facili da riconoscere, che ricordano i vini della Languedoc-Roussillon o anche, quelli più maturi, del Piemonte

La storia più recente dei vini del Priorat risale alla fine del XX secolo ed è caratterizzata da due aspetti. Da un lato, cinque cantine note come i padri del nuovo Priorat: René Barbier (Clos Mogador), Josep Lluís Pérez (Mas Martinet), Carlos Pastrana (Costers del Siurana), Álvaro Palacios (Finca Dofí) e Daphne Glorian (Clos i Terrasses). Sono stati i primi a credere fermamente nel potenziale nascosto di questa regione, un patrimonio di vecchi vigneti di garnacha e carignan piantati su terrazze e sui famosi coster, pendii ripidi. L'altro fattore ha a che fare con il basso prezzo pagato per un chilo d'uva, che è stato improvvisamente aumentato su iniziativa della Cooperativa Porrera. Questo gesto rivoluzionario mirava a preservare il grande patrimonio di vecchi vitigni della zona, dando dignità al lavoro del viticoltore e contribuendo così al recupero della zona nel suo insieme. Oggi, sono le nuove generazioni di queste stesse famiglie locali, insieme agli inarrestabili enologi e viticoltori venuti da molti altri luoghi, che continuano a mantenere gli alti standard qualitativi del vino di Priorat. Sara i René Viticultors, Ester Nin, Scala Dei e Terroir al Límit sono alcuni dei principali produttori del Priorat oggi. Accanto a loro, i vini entry-level come Els Pics o Les Crestes offrono una qualità eccezionale e sono vini economici. 

Quali altre denominazioni possiamo esplorare in Spagna? 

In Catalogna, la denominazione Montsant offre vini intensi e terrosi con aromi di macchia mediterranea, e costituisce un'ottima opportunità per avvicinarsi all'emblematico Priorat. Si tratta di vini rossi fatti con grenache e carignan, miscelati con altre varietà come syrah, cabernet sauvignon o tempranillo, conosciuto qui con il suo nome catalano ull de llebre. Ecco alcuni dei must di una lista difficile da restringere: 

  • Acústic Celler 
  • Venus La Universal
  • Celler Joan d'Anguera  

Vicino a Barcellona, nella regione del Penedès, si può trovare praticamente qualsiasi stile e colore di vino. Basta dare un'occhiata ai cataloghi di Parés Baltà o Albet i Noya, il pioniere dei vini biologici in Spagna. I bianchi fatti con l'autoctono xarel-lo sono tra i più personali, freschi e gustosi. La Nun Vinya dels Taus di Enric Soler, 100% xarel-lo, è già tra i migliori bianchi di Spagna. Alemany i Corrió, Joan Rubió e Celler Can Credo sono altri nomi da tenere a mente. 

Scendendo lungo la costa mediterranea, il monastrell (mourvèdre) appare come la varietà regina. A Jumilla, offre vini profumati di olive nere e violette, con stili molto diversi – dai vini concentrati del Nuovo Mondo a quelli più morbidi e stilizzati. Confrontate i vini pungenti di Juan Gil o El Nido con i vini eleganti e rustici di Casa Castillo

La garnacha è la seconda grande uva rossa della Spagna. Vicino a Rioja, la denominazione aragonese di Campo de Borja offre una deliziosa garnacha matura, che regala vini molto fruttati che riempiono la bocca, con tannini sottili. Se vi piacciono i rossi australiani, amerete i nuovi vini di questa terra, come quelli delle Bodegas Alto Moncayo

Straordinarie sono anche le garnacha di Gredos, vini nati nel centro della penisola, a metà strada tra le province di Madrid, Avila e Toledo, in una terra che non gode di riconoscimento ufficiale pur essendo una delle più riconoscibili di tutto il paese. Le garnacha di Gredos sono nobili, selvagge, con una rusticità elegante e un colore chiaro. Bernabeleva e Comando G sono cantine essenziali per questa zona. 

Tornando al nord della penisola, è importante conoscere i nuovi vini che si producono sia nel Bierzo che nella Ribeira Sacra. Nel Bierzo, Ricardo Péres Palacios (famiglia Palacios) e Raúl Pérez hanno cominciato a includere questa regione tra le migliori della Spagna, con vini squisiti ricchi di frutta selvatica, freschi ed equilibrati, la cui personalità è spesso paragonata ai vini di alcune sottoregioni della Borgogna o del Rodano del nord. Accanto ad essa, Ribeira Sacra offre vini belli e impressionanti come il suo paesaggio, vini pieni di freschezza atlantica, aromi floreali e una marcata mineralità. Lasciatevi sedurre dai vini del Dominio do Bibei e Guímaro

E i migliori vini bianchi spagnoli? 

La Spagna ha due denominazioni dedicate quasi esclusivamente alla produzione di vini bianchi: Rueda e Rías Baixas. Tuttavia, ottimi bianchi possono essere trovati in quasi tutte le altre denominazioni del paese. 

Le Rías Baixas si trovano in Galizia, all'estremo ovest, a nord del Portogallo. È la regione dei vini bianchi spagnoli rinfrescanti e salini dell'uva albariño, vini sempre fruttati e minerali. I migliori albariño invecchiano meravigliosamente in bottiglia e possono ricordare i riesling tedeschi. Sono vini con un'alta acidità, molto marini, ideali per il pesce e i frutti di mare. Vi consigliamo di aggiungere questi nomi alla vostra lista di preferiti: 

La Rueda si trova in Castilla y León, molto vicino alla Ribera del Duero. È la regione dei bianchi aromatici da verdejo, un'uva che combina aromi meravigliosamente fruttati con le note erbacee che gli danno il nome. I verdejo di José Pariente sono tra i più conosciuti, mentre quelli di Menade, Barco del Corneta o Isaac Cantalapiedra sono tra i più freschi e di alta qualità. Il più grande verdejo invecchiato in botte è l'iconico Belondrade y Lurton

Sempre nella parte nord-occidentale della penisola, Valdeorras e Bierzo offrono dei bianchi da uve godello molto eleganti, corposi e con una mineralità croccante, come dimostrano lo straordinario As Sortes di Rafael Palacios o i vini di Bodegas Valdesil

Spostandosi verso est, Rioja delizia i palati degli amanti dei bianchi secchi e corposi, vini fatti con uve viura, garnacha blanca e malvasía, sia giovani che invecchiati in botte. Abel Mendoza è il grande maestro dei bianchi monovitigno. 

Sulla costa mediterranea, in Catalogna, la varietà xarel-lo ha dimostrato di essere molto adatta all'invecchiamento e offre eccellenti bianchi affinati in botte nel Penedès, mentre Terra Alta, più a sud, offre vini bianchi a base di garnacha blanca, freschi ed espressivi. 

I bianchi spagnoli sono bianchi secchi per definizione. Ciò nonostante, si può trovare il vino dolce spagnolo nella regione dell’Andalusia sotto la denominazione di Malaga: solitamente si tratta di vini bianchi fatti da uve moscato d'Alessandria. I migliori sono il Molino Real di Telmo Rodríguez e quelli di Jorge Ordóñez & Co

Lo spumante cava e lo sherry

Sarebbe incompleto parlare di vini spagnoli e non dedicare almeno qualche riga ai suoi spumanti e ai vini tradizionali andalusi: cava e sherry. 

La produzione di vini spumanti in Spagna ha una lunga storia, e sono fatti seguendo il metodo tradizionale della seconda fermentazione in bottiglia, proprio come gli champagne francesi o i Franciacorta italiani. Data l'impossibilità di usare il termine popolare "champagne", nel 1972 si decise di chiamarli "cava", prendendo il nome dato alle cantine sotterranee utilizzate per l'invecchiamento delle bottiglie. 

Il Cava, spumante spagnolo per eccellenza, si produce nella regione catalana del Penedès, ed è basato principalmente su una miscela di xarel-lo, macabeo e parellada in diverse proporzioni. Oggi si usa il termine cava in senso lato per indicare tutti i vini spumanti prodotti in Spagna, non solo quelli della D.O. Cava ma anche gli spumanti della D.O. Clàssic Penedès e quelli dei produttori riuniti sotto la recente marca Corpinnat, dove possiamo trovare nomi come Recaredo o Gramona

Se gli champagne sono per lo più brut, i cava sono brut nature, ma non perdono per questa la loro caratteristica rotondità; le uve riescono infatti a maturare un alto contenuto di zucchero in modo totalmente naturale grazie al sole del Mediterraneo. I cava delle categorie Reserva e Gran Reserva sono un'eccellente opzione per godere di un vino seducente e raffinato di grande qualità a un prezzo molto più accessibile dei loro omologhi del nord della Francia o dell'Italia. Per un tocco di glamour in più citiamo: 

I vini spagnoli liquorosi come lo sherry sono vini fortificati, cioè nello stesso stile dei vini porto e madeira del Portogallo, o dei marsala della Sicilia, in Italia. Sono i vini tipici dell'Andalusia, prodotti con un sistema di invecchiamento conosciuto come criaderas y soleras, che consiste nell'invecchiare il vino in botti conservate una sopra l'altra, in file sovrapposte. Il vino da imbottigliare viene parzialmente estratto dalle botti inferiori e il volume svuotato viene riempito con la stessa quantità di vino dalla botte superiore. Infine, le botti più in alto vengono riempite con il vino della nuova annata. Questa miscela di annate nel tempo è ciò che dà al vino il suo carattere tradizionale e invecchiato, con i suoi tipici aromi intensi e pungenti. 

I più noti vini tradizionali andalusi si trovano nel Marco de Jerez, un triangolo formato da diverse località intorno a Jerez de la Frontera, in provincia di Cadice, vicino alla Rocca di Gibilterra. Sono fatti con uve palomino e rientrano nella doppia denominazione di Jerez-Xérès-Sherry e Manzanilla-Sanlúcar de Barrameda. Anche nella provincia di Cordoba si producono vini tradizionali, ma con la varietà pedro ximénez. Questi sono i vini della D.O. Montilla-Moriles. Le tipologie più conosciute di vino tradizionale andaluso sono: fino, manzanilla, amontillado, oloroso e palo cortado. I primi due sono più adatti per aperitivi e tapas, o per accompagnare il tipico gazpacho e il salmorejo, mentre gli altri tre si abbinano a una grande varietà di piatti. Sperimentate a piacere le manzanilla di Hidalgo La Gitana, qualsiasi La Bota di Equipo Navazos o la gamma Gran Barquero di Pérez Barquero

Cercate un vino spagnolo di dessert? Fanno al caso vostro gli opulenti vini dolci a base di uve moscato o i concentratissimi sherry a base di uve pedro ximénez sono sublimi sul gelato alla vaniglia o su una fetta di torta al cioccolato. Non sarà facile decidere tra Ximénez-Spínola, Alvear o Toro de Albalá.